Lavoratori dello spettacolo, le difficoltà stanno diventando emergenza

Lo sostiene il coordinamento regionale della sigla Slc Cgil Veneto. «Senza i bonus promessi pronti a una nuova mobilitazione»

Lavoratori dello spettacolo, foto archivio

«Sono migliaia i lavoratori dello spettacolo dal vivo e della cultura ancora senza i bonus promessi». Il sindacato Slc Cgil Veneto si dice pronto a una nuova mobilitazione «se rimarranno senza risposta».

Il settore, secondo il coordinamento regionale della sigla sindacale, «eccetto qualche piccola eccezione, è praticamente fermo. In questi mesi abbiamo più volte chiesto all’Inps di velocizzare le procedure di erogazione dei soldi», che al momento sostituiscono o integrano i guadagni. Il 10 luglio scorso la Regione del Veneto ha riconosciuto 1000 euro a tutti i lavoratori della cultura e dello spettacolo. «In base alle indicazioni della Regione, per ottenerli i lavoratori non devono fare nulla in quanto l’accordo prevede l'erogazione automatica della somma a quanti hanno già recepito il sussidio da 600 euro nei mesi precedenti. A distanza di un mese e mezzo - scrive Slc Cgil Veneto - sui conti correnti dei lavoratori non è arrivato ancora nulla».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A livello nazionale, invece, il decreto approvato dal governo il 14 agosto prevede un ulteriore bonus da 1000 euro, «ma a distanza di 14 giorni non ci sono ancora indicazioni certe. Nel frattempo, i lavoratori continuano a vivere situazioni drammatiche. Sarebbero inaccettabili clausole troppo stringenti per ottenere i fondi. Inps provveda a pagare i bonus già approvati e ancora non erogati;  la regione Veneto imponga a Inps di erogare il bonus da 1000 euro promesso a tutti i lavoratori del settore (anche per confermare che l’annuncio non è stato uno spot elettorale); e infine al governo chiediamo che dia subito indicazioni sulle modalità di richiesta e tempistiche per ottenere i fondi previsti dall’ultimo decreto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

  • Elezioni 2020, a Portogruaro sarà ballottaggio tra Santandrea e Favero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento