rotate-mobile
Lunedì, 26 Settembre 2022
Economia

Poste Italiane, in provincia di Venezia sottoscritti 406mila buoni fruttiferi e 307mila libretti

Si conferma il successo di due tra le forme di risparmio più antiche in Italia. Del Fante: «Raccolta netta positiva trainata da depositi e prodotti assicurativi»

Libretti di risparmio e buoni fruttiferi postali continuano ad essere tra le forme di risparmio più amate dai cittadini di Venezia. In tutta la provincia quelli attivi sono, rispettivamente, 307mila e 406mila. Un successo quasi centenario (i primi buoni furono emessi nel 1924) che, secondo l'azienda, è frutto della sicurezza, della semplicità e della trasparenza di questi prodotti. Ad oggi, in tutta Italia, sono oltre 46 milioni i buoni fruttiferi postali in essere. Senza costi di gestione né commissioni di collocamento o di rimborso, sono sottoposti ad una tassazione agevolata e, attualmente, nel 160° anno di Poste Italiane, offrono dei tassi di interesse ancora più vantaggiosi.

La centralità del risparmio postale è stata sottolineata dall’amministratore delegato Matteo Del Fante, che, in occasione della presentazione dei risultati finanziari del primo semestre 2022, ha ricordato: «Abbiamo avuto una raccolta netta positiva trainata da depositi e prodotti assicurativi. C’è stato un andamento positivo dei flussi dei buoni postali dopo le significative azioni di riprezzamento intraprese da Cdp a inizio luglio, in risposta al rapido rialzo dei tassi di interesse. L’azienda – ha aggiunto Del Fante – porta avanti strategie di investimento flessibili viste le condizioni di mercato in evoluzione».

Oltre ai tradizionali buoni ordinari, con una durata di 20 anni e un tasso di interesse annuo lordo a scadenza del 2%, si possono scegliere buoni con durate differenti a seconda delle diverse esigenze d’investimento. Ad esempio, i buoni 3 anni Plus hanno una durata di 3 anni e un tasso di interesse annuo lordo a scadenza dell’1%. I buoni 3x2, 3x4 e 4x4, invece, hanno una durata di 6, 12 e 16 anni e un tasso di interesse annuo lordo a scadenza, rispettivamente, dell’1.75%, 2.00% e 3.00%.

Tutti i buoni fruttiferi postali sono garantiti dallo Stato italiano e possono essere rimborsati durante il periodo di investimento con restituzione del capitale investito e gli eventuali interessi maturati. Inoltre, sono esenti da costi di sottoscrizione, gestione e rimborso e da imposte di successione, ad eccezione degli oneri fiscali, e vantano una tassazione agevolata del 12.5% sugli interessi.

Anche i libretti di risparmio, collocati da Poste Italiane dal 1875, sono disponibili in diverse tipologie per rispondere al meglio alle esigenze della clientela. Poste Italiane ricorda che tutti i titolari di un libretto smart possono accedere direttamente online all’offerta SuperSmart 360 giorni che permette di ottenere a scadenza un tasso di interesse annuo lordo dell’1% sulle somme accantonate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Poste Italiane, in provincia di Venezia sottoscritti 406mila buoni fruttiferi e 307mila libretti

VeneziaToday è in caricamento