menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pneumatici Nankang, da Taiwan all’Australia di Mad Max

La compagnia taiwanese è stata partner ufficiale nella realizzazione del film campione di incassi Mad Max Fury Road, punto di arrivo di un processo verso l'eccellenza e la fama a livello internazionale

È stato uno dei successi cinematografici dello scorso anno, sia al botteghino che per la critica (e infatti ha ricevuto ben 9 nomination per gli Oscar, tra cui quella ambitissima nella categoria “miglior film”), ma forse pochi sanno che in “Mad Max. Fury Road” c’è anche un pizzico di Taiwan. Per la precisione, per il reboot della saga di Mad Max, ambientata in un futuro distopico e post-apocalittico, è stata avviata una importante partnership con il marchio Nankang Tyre, storico produttore di pneumatici per auto di base proprio nell’isola asiatica. Un accordo che rivela il lato più motorsport del brand, che sta spingendo forte l’acceleratore sulle nuove produzioni per ampliare la sua rete di vendita anche in Europa.

SAPER SPENDERE BENE.

I controlli della Polizia Stradale ci informano che sono sempre più gli automobilisti che, per risparmiare, circolano montando gomme molto usurate e non a norma, esponendosi dunque a maggiori rischi (e aumentando anche il pericolo generale). È infatti evidente che in momenti di congiuntura economica negativa diventa particolarmente importante investire le proprie risorse in maniera oculata e ponderata, ma allo stesso tempo ci dovrebbero essere delle spese irrinunciabili, perché riguardano la sicurezza nostra e degli altri. In un mercato degli pneumatici dominato dalle grandi marche, che propongono prodotti eccellenti a prezzi elevati, diventa allora determinante trovare alternative meno care ma comunque valide, come quelle disponibili sui portali specializzati come Euroimport Pneumatici per la gomme Nankang, che offre una gamma di gomme di dimensioni dai 13 ai 18 pollici, con soluzioni adatte sia all’utilizzo invernale che a quello estivo, a prezzi per l’appunto contenuti.

NESSUN SALASSO.

I modelli di base dell’azienda taiwanese puntano proprio sulla economicità per convincere gli automobilisti: per fare un esempio, la gomma Nankang XR611 nelle dimensioni 155/70 R12 e 73 T costa all’incirca 30 euro, e così pure lo pneumatico invernale Nankang Snow SV-2 (155/65 R13 e 73 T). Questo però non significa rinunciare alla qualità, perché questi prodotti sono comunque caratterizzati da buona ricerca di progettazione e materiali di qualità, all’insegna della filosofia “integrità, pragmatismo e innovazione” che guida la Nankang sin dai suoi esordi, sul finire degli anni ’50 nell’isola di Taiwan, primo produttore di quello Stato a realizzare una gomma con indice di velocità W e a offrire le dimensioni di 22 e 24 pollici.

REGGERE IL PARAGONE.

Che gli pneumatici Nankang siano affidabili lo dimostrano anche i periodici test indipendenti condotti da magazine specializzati del settore automobilistico in diversi periodi dell’anno. Ad esempio, nell’ambito delle gomme invernali che la legge impone di montare anche lungo i tratti autostradali veneti fino a metà aprile, la rivista tedesca Offroad ha confrontato cinque diversi modelli di pneumatici termici per auto 4×4, tra cui appunto i Nankang Winter Activa SV-55, che non hanno sfigurato rispetto a concorrenti temibili (e ben più costosi) proposti da Goodyear, Nokian, Pirelli e Michelin, ottenendo la promozione con voto sufficiente e menzioni particolari per il comportamento in risposta alla neve e per la silenziosità. Sempre in tema di condizioni avverse, si sta rivelando sempre più apprezzata la soluzione Nankang AS-2, particolare tipo di pneumatico studiato per migliorare le performance in caso di pioggia, riducendo il rischio di aquaplaning e i problemi di aderenza al fondo stradale. Merito delle sue soluzioni tecniche e di design, come il profilo con le ampie scanalature centrali e una mescola studiata per garantire un maggior effetto drenante e, al contempo, una migliore gestione della maneggevolezza dell’auto.

guidare a venezia-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'isola di Santa Maria delle Grazie può uscire dall'abbandono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento