Sindacati inquieti per la chimica di base a Marghera: «Mai partita neppure la verde»

I presagi di Filctem Cgil sugli impianti veneziani: «Eni annuncia investimenti ma per ridurre, non per aumentare la produzione locale». Eni: «Porto Marghera è strategico»

Porto Marghera, cracking: archivio

All'indomani del piano industriale presentato da Versalis, a Roma il 28 giugno scorso, il sindacato dei chimici veneziano, Filctem Cgil, nutre cattivi presagi sul futuro della chimica di base a Porto Marghera. Sono perplessità che affondano le radici nel programma di dismissione del cracking annunciato, e quasi avviato, nel 2014, con un accordo ministeriale in base al quale il nuovo, la chimica verde, avrebbe preso il posto del tradizionale a Porto Marghera, portando compatibilità ambientale e posti di lavoro. Un piano che non ha visto la luce perché il destino del cracking è stato poi quello di fornire ad altri Paesi prodotti di base indispensabili. Ora il problema del surplus di etilene e dei suoi derivati è tornato. E con quello la paura di tagli e riduzioni della produzione e quindi di lavoro.

Incognite

«Ci sono troppe cose da chiarire e soprattutto sono confuse le prospettive - scrive Davide Camuccio, segretario Filctem Cgil Venezia -. Quando si parla di 168 milioni di euro di investimenti non può che far piacere, ma purtroppo questi soldi sono per ridurre e non per nuovi progetti. Ben venga la riproposizione della nuova torcia, a dire il vero la aspettiamo da qundici anni. Ben venga il progetto di riammodernamento di buona parte del cracking, inevitabilmente necessario, ma il programma di abbassare la produzione del 25% ci lascia perplessi e preoccupati. Il segnale che Eni vuole lanciare è chiaro: non sviluppo più la chimica di base, il surplus di etilene e dei suoi derivati non lo impiego in altre produzioni, ma lo elimino abbassando la produzione a Porto Marghera».

Passato e futuro

«Nel 2014 Versalis ha presentato un piano di trasformazione in collaborazione con l'americana Elevance per produrre chimica verde, progetto che non ha mai trovato gambe - continua Camuccio -. Dopo le dichiarazioni di Eni sulla Bioraffineria, ci aspettavamo investimenti da parte di Versalis a Porto Marghera in ricerca, sviluppo di nuovi prodotti e nuove produzioni, insomma ferro, pompe e colonne nuove per dare significato a centinaia di ettari già bonificati e abbandonati in attesa di chissà quale destino. Possibile che a Porto Marghera non si riesca a fare nuovi impianti? Eppure negli altri petrolchimici qualche timido progetto per nuovi prodotti o di seconde lavorazioni c'è, invece a Venezia si parla di riduzione. Ci sarà molto da discutere, al più presto a livello di coordinamento nazionale, assieme a Femca Cisl e Uiltec Uil, ma soprattutto con l'azienda, perché questo piano industriale presentato colpevolmente in ritardo non sia un passaggio a vuoto, ma venga completato con un chiaro segnale di rilancio e riconversione del Petrolchimico di Porto Marghera».

«Porto Marghera è strategico»

Versalis (Eni) ribadisce la centralità del sito di Porto Marghera all'interno del proprio sistema produttivo padano. L'obiettivo delle iniziative a piano per il sito - di oltre 160 milioni nel quadriennio - è quello di migliorare l'efficienza energetica e aumentare la competitività, attraverso un importante upgrade tecnologico e un riassetto produttivo bilanciato, che tiene conto delle esigenze dell'area padana. Si precisa che la nuova torcia a terra andrà ad aggiungersi alle due esistenti, che rimarrano con un utilizzo limitato, migliorando l'impatto energetico e ambientale complessivo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Malore fatale, commerciante muore a 37 anni

  • Schianto sulla strada: morto un ragazzo di 18 anni a Veternigo

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Per Zaia il problema non sono ristoranti e palestre: «Bisognava puntare su assembramenti»

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento