Prodi, Diamanti su Venezia: "Sistema portuale condiviso per trascinare il Nordest"

Confronto tra l'economista e il sociologo sul ruolo del capoluogo veneto sullo sviluppo del Paese e dell'Europa: "Dobbiamo trattenere i giovani e puntare sulle specializzazioni"

Foto Twitter

Venezia è un marchio globale e ha tutte le carte in regola per trascinare il Nordest verso il futuro. È la visione di Romano Prodi e Ilvo Diamanti, a confronto nel corso dell'incontro a Palazzo Ducale con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione dei festeggiamenti per i 130 anni dalla fondazione del quotidiano "Il Gazzettino". "Oltre la crisi, dialoghi sul Nordest" è il titolo del dialogo tra i due. "Non c'è brand al mondo come il Leone di San Marco - ha detto l'ex presidente del Consiglio - Ma bisogna attualizzare il Nordest. Ormai l'impresa, anche se non di dimensioni grandissime, deve andare verso la specializzazione, la ricerca. Occorre che nel suo settore sia all'avanguardia e abbastanza grande da diversificare l'offerta".

Prodi punta sulla vocazione marittima del territorio: "Ci vuole un sistema  portuale del Nordest che si estenda fino a Capodistria. Questo potrebbe portarci di nuovo a essere centrali. Venezia, Trieste, Capodistria, Fiume, abbiamo tutte le possibilità di essere le Rotterdam o le Amburgo del Sud. Non facendo sistema non riusciamo a rifornire, per esempio, il mercato agroalimentare del Nord Europa. Il nodo dei trasporti del Veneto è situato nel punto migliore in Europa, ma per ora non è sfruttato".

Aggiunge Diamanti: "Nel Nordest c'è Venezia, ma anche una rete di piccoli centri. C'è una forte connessione tra economia e società. Non ci sono solo segnali negativi. Dal punto di vista demografico siamo in declino e abbiamo un problema di attrattività, perché chi vale va all'estero. Dobbiamo investire in cultura, competenza e innovazione. Essendo in grado non solo di formare, ma anche di attrarre i giovani e chi ha competenze".

"Abbiamo una ripresa buona in alcuni settori, in altri meno - ha concluso Prodi - In alcuni settori abbiamo scarsità di manodopera. La nuova rotativa del Nordest deve essere una rete di scuole molto tecniche e professionali per costruire le fondamenta del nostro futuro. Non basta più la scuola standard che avevamo fino a 20 anni fa, abbiamo bisogno di entrare nella singola specialità. Una rete di suole collegate, ma che siano specialistiche". Uno schema, precisa Diamanti, da mutuare anche nel mondo della ricerca".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Visite ad amici o parenti in casa: le regole per il Veneto da sabato

  • Visite in casa a parenti e amici: le regole per il Veneto a partire da domani

  • Come cambia da domani il Veneto: regole, restrizioni e cosa si può fare

  • Chiude la Coop alla Nave de Vero. Al suo posto potrebbe arrivare Primark

  • Col nuovo Dpcm, dal 16 gennaio il Veneto rimarrà (quasi sicuramente) in area arancione

  • Dpcm, quando serve l'autocertificazione in Veneto: il modello ufficiale da scaricare

Torna su
VeneziaToday è in caricamento