menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Pera Kaiser attaccata, archivio

Pera Kaiser attaccata, archivio

Cimice asiatica, un rimborso danni da 20 milioni per 900 imprese

Per le conseguenze causate nel 2019 dall’infestazione dell'insetto. La giunta regionale del Veneto ha dato il via libera all’utilizzo dei fondi

Più di 900 frutticoltori riceveranno da Avepa (l’Agenzia veneta per i pagamenti) un rimborso per i danni provocati nel 2019 dall’infestazione da cimice asiatica. La giunta regionale del Veneto ha dato il via libera all’utilizzo degli oltre 20 milioni e mezzo di cassa che potranno essere erogati già nelle prossime settimane.

«Con questo provvedimento – commenta l’assessore all’Agricoltura Federico Caner – riusciamo a coprire le somme dovute ai frutticoltori la cui domanda di risarcimento è stata ammessa a beneficio. Nei prossimi giorni verrà trasferita la somma all’Avepa che potrà quindi procedere con gli atti funzionali all’erogazione. Ho già chiesto al nuovo direttore dell’Agenzia di mettere questa iniziativa, già da lunedì quando prenderà servizio, in cima alla lista delle sue attività. Vigileremo, inoltre, sui fondi stanziati dal governo per il 2021 e il 2022 – conclude Caner –: si tratta di 11 milioni e 762 mila euro che potremo erogare non appena il ministero delle Politiche agricole provvederà al loro trasferimento alla Regione». 

La cimice asiatica, capace di mandare in fumo dal 60 al 100% del raccolto annuo del frutto che predilige, la pera (specie la kaiser, quella del litorale veneziano frequentato dai turisti tedeschi che amano il frutto del posto), senza però disprezzare mele, pesche, kiwi, ciliegie, albicocche, susine, nocciole, olive, soia, mais e ortaggi che comunque distrugge, a giugno 2020 è entrata in campo in Veneto la vespa samurai. Il programma di lotta biologica della Regione, da 4 milioni e mezzo di euro. Le vespe samurai sono insetti antagonisti della cimice asiatica: la Regione, in collaborazione con il laboratorio di Entomologia dell’Università di Padova, ha avviato il piano triennale di graduale immissione della vespa non autoctona.

Due anni fa, i coltivatori di pere Kaiser del litorale veneziano in ginocchio per i danni causati calla cimice asiatica avevano chiesto alla Regione l'avvio della pratica di calamità. La Kaiser, così battezzata dai visitatori tedeschi soddisfava il 60 per cento del mercato estero. Nel 2015-2016 è arrivata la catastrofe, spiegò il presidente di Confagricoltura Venezia, Giulio Rocca. La cimice asiatica.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Attualità

Federica Pellegrini stasera al Festival di Sanremo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento