Dipendenti del turismo in ferie a causa dall'acqua alta: le giornate sono rimborsabili

Fino a 70 euro lordi da una a tre giornate lavorative. Il fondo dell'Ente bilaterale del Veneziano amplia la copertura prima prevista solo per i permessi non retribuiti

Acqua alta del 12 novembre scorso

Aumenta il sostegno ai lavoratori del turismo nel Veneziano, che non hanno potuto lavorare per l’acqua alta di novembre. È possibile chiedere un rimborso di 70 euro lordi da una fino a tre giornate lavorative anche per l’ipotesi di ferie, oltre che di permesso non retribuito e di sospensione dal lavoro. Lo ha stabilito L’Ente Bilaterale del Turismo che rappresenta la parte datoriale (Ava, Aepe, Confcommercio, Federalberghi Veneto, Faita Nordest, Fiavet Veneto) e la parte sindacale (Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs Veneto) del settore.

Lo stanziamento

Nelle settimane successive all’evento l’Ente bilaterale provinciale (Ebt), assieme a quello nazionale, avevano stanziato un finanziamento straordinario di 100 mila euro a partire da metà dicembre, a sostegno dei dipendenti delle aziende del centro storico e dell’estuario colpite dalla marea e che hanno riportato danni ingenti. Questo fondo copriva le giornate di permesso non retribuito e la sospensione da lavoro nel periodo dal 13 al 30 novembre 2019, compresi. Il contributo previsto era di 70 euro lordi a giornata, rapportati all’orario contrattuale, riconoscendo da un minimo di una giornata a un massimo di tre giornate per ogni lavoratore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La copertura

Le domande finora pervenute da parte delle aziende del settore a beneficio dei lavoratori coinvolti, sono una quarantina. Adesso la possibilità di accedere al contributo viene allargata anche all’ipotesi di ferie. «Si è deciso - spiegano il presidente e il vice presidente dell’Ebt di Venezia, Danilo De Nardi e Luigino Boscaro - di andare maggiormente incontro alle difficoltà delle aziende e di aggiungere un’altra opportunità per i lavoratori. È stata perciò inserita la possibilità di indennizzare anche le giornate di ferie chiedendo a integrazione della documentazione una dichiarazione da parte del datore di lavoro, dove viene specificato che i giorni di ferie si sono resi necessari per causa di forza maggiore». Il termine per la presentazione delle richieste è stato posticipato dal 31 gennaio al 31 marzo prossimo. Il regolamento e le modalità di erogazione del contributo, secondo le nuove disposizioni, saranno disponibili sul sito dell’Ente bilaterale del turismo della provincia di Venezia: https://www.ebt.ve.it/ .

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento