menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Consumi in picchiata, Orsoni permette ai negozi di tenere aperto l'Epifania

Il sindaco ha firmata un'ordinanza con cui dispone che gli esercenti della terraferma potranno evitare di chiudere i battenti il 6 e l'8 gennaio

Un tentativo per rilanciare i consumi dopo i dati deludenti di questo Natale, mai così morigerato dal 2000. Ora i commercianti guardano all'avvio dei saldi per migliorare il volume delle loro compravendite e per iniziare il 2012 respirando un po'. In quest'ottica il sindaco Giorgio Orsoni ha emesso un'ordinanza che dispone che gli esercizi del commercio al dettaglio, nonché le attività artigianali che vendono al minuto i generi di propria produzione nella terraferma potranno derogare all'obbligo di chiusura domenicale e festiva nelle giornate di venerdì 6 e domenica 8 gennaio, in concomitanza con l'inizio delle vendite di fine stagione, il cui inizio ufficiale in tutto il Veneto è fissato per giovedì 5 gennaio.


Il provvedimento è stato adottato in accordo con le organizzazioni locali dei consumatori, delle imprese del commercio e dei lavoratori dipendenti, in base a quanto previsto dalla legge regionale 206, che permette agli esercenti di derogare all'obbligo di chiusura per più di otto giorni all'anno, fissati dalla normativa statale. L'ordinanza rimanda a un successivo provvedimento per l'individuazione delle restanti giornate di deroga domenicale e festiva per l'anno 2012, fino al raggiungimento del tetto stabilito dalla normativa regionale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento