menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Quasi mille persone contattate in un anno per lavoro: boom di stage

Presentati i dati degli sportelli Informalavoro di Venezia, Mestre, Favaro e Zelarino: tra i servizi più richiesti quello di formazione professionale. Il periodo di disoccupazione arriva anche a due anni

Novecento persone contattate in un anno (816 i residenti nel Comune di Venezia), suddivisi equamente tra uomini e donne, oltre la metà dei quali ha richiesto uno o più colloqui di approfondimento; adulti over 40 (41, 67 % dei totale), spesso con ruolo di capofamiglia, nella maggioranza dei casi, ma anche giovani tra i 18 e i 30 anni, pari a oltre il 27% degli utenti: sono questi alcuni dei numeri di Informalavoro presentati oggi.

Tra i servizi più richiesti dagli utenti dei quattro sportelli sparsi nel territorio comunale (Venezia, Mestre centro, Favaro Veneto e Zelarino) quelli di formazione professionalizzante e di tirocinio formativo e di orientamento, seguiti a ruota dalla domanda di sostegno nella stesura del curriculum e di candidatura online. Per venire incontro a queste esigenze, nel 2012 sono stati avviati, in collaborazione con i Servizi sociali, centrali e di Municipalità e con il Centro donna 30 tirocini di inserimento lavorativo; altri 28 saranno avviati tra gennaio e febbraio 2013. Sono inoltre state rilasciate 169 autorizzazioni per l'anticipazione dei trattamenti economici di integrazione salariale in favore dei lavoratori in Cassa integrazione guadagni straordinaria. È stato inoltre realizzato un intervento di messa in sicurezza del verde di Forte Marghera, ed è stato offerto un servizio di car sharing, del quale hanno beneficiato 131 persone.

“Ci auguriamo – ha sottolineato il delegato del sindaco per le Politiche del lavoro – che i percorsi virtuosi di collaborazione come quelli che hanno permesso l'avvio dei tirocini possano moltiplicarsi nel prossimo futuro. Proprio per questo sarà attivato a breve un tavolo di confronto tra Amministrazione e categorie economiche e imprenditoriali che si rendano disponibili a collaborare alla realizzazione di altri percorsi formativi”.

Il periodo di disoccupazione delle persone contattate da Informalavoro è breve, da 1 a 6 mesi, nel 34% dei casi; medio, tra 6 mesi e un anno, nel 22% e lunga, da 1 a oltre i due anni in ben il 44% dei casi. Proprio in casi come questi, in cui le persone siano da lungo tempo al di fuori del circuito lavorativo - ha sottolineato Antonio Boschin - diventa essenziale offrire un supporto motivazionale, offrire percorsi che aiutino le persone a ricostruire un nuovo progetto professionale, ad essere consapevoli delle proprie competenze, perché cercare un lavoro è esso stesso un lavoro.

Per saperne di più visita il sito del Servizio Problemi del lavoro

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento