menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Biennale di architettura 2016, il tema è "Reporting from the front"

Lunedì l'incontro con i rappresentanti di 48 Paesi. La 15. Mostra si svolgerà dal 28 maggio al 27 novembre 2016 tra Giardini e Arsenale, ma non solo

Biennale Architettura 2016, via ai lavori: il presidente Paolo Baratta, accompagnato dal curatore della 15. Mostra Internazionale di Architettura, Alejandro Aravena, ha incontrato lunedì a Ca’ Giustinian i rappresentanti di 48 Paesi. La manifestazione è in programma dal 28 maggio al 27 novembre 2016 (vernice 26 e 27 maggio) ai Giardini e all’Arsenale, nonché in vari luoghi di Venezia. Il tema scelto da Aravena è "Reporting from the front", che il curatore ha presentato così: «Ci sono ancora molte battaglie da vincere e molte frontiere che occorre ancora espandere per poter migliorare la qualità dell’ambiente edificato e, di conseguenza, la qualità di vita delle persone. Sono sempre di più le persone sul pianeta alla ricerca di un luogo decente in cui poter vivere e le condizioni per raggiungere tale scopo si fanno di ora in ora sempre più ardue. Qualsiasi tentativo di trascendere gli aspetti commerciali incontra come sempre una forte resistenza nell’inerzia della realtà, e qualsiasi sforzo volto ad affrontare questioni importanti deve vedersela con la crescente complessità del mondo. Ma a differenza dei conflitti bellici in cui nessuno vince e su cui aleggia un diffuso senso di sconfitta, nei fronti dell’ambiente edificato si respira un’aria di vitalità perché l’architettura è guardare la realtà in chiave propositiva".

«REPORTING FROM THE FRONT si propone di mostrare a un pubblico più vasto cosa significa migliorare la qualità della vita mentre si lavora al limite, in circostanze difficili, affrontando sfide impellenti. O cosa occorre per essere in prima linea e cercare di conquistare nuovi territori. Vorremmo imparare da quelle architetture che, nonostante la scarsità di mezzi, esaltano ciò che è disponibile invece di protestare per ciò che manca. Vorremmo capire quali strumenti di progettazione servono per sovvertire le forze che privilegiano l’interesse individuale sul bene collettivo, riducendo il Noi a un semplice Io. Vorremmo venire al corrente di casi che resistono al riduzionismo e all’eccessiva semplificazione e che non rinunciano alla missione dell’architettura di penetrare il mistero della condizione umana. Ciò che ci interessa è capire in che modo l’architettura possa introdurre una nozione più ampia di guadagno: la progettazione come valore aggiunto e non come costo aggiuntivo o l’architettura come scorciatoia verso l’equità».

«Vorremmo che questa Biennale fosse onnicomprensiva, che ascolti le storie, i pensieri e le esperienze provenienti da contesti diversi. Pertanto la 15. Mostra Internazionale di Architettura si concentrerà e imparerà dalle architetture che, bilanciando intelligenza e intuizione, sono in grado di scostarsi dallo status quo. Vorremmo presentare degli esempi che, nonostante le difficoltà (o forse anche grazie a esse), invece di esprimere rassegnazione e amarezza, propongano e realizzino qualcosa. Vorremmo dimostrare che nel perenne dibattito sulla qualità dell’ambiente edificato, non c’è solo il bisogno ma anche lo spazio per l’azione».

Da parte sua il presidente Paolo Baratta ha spiegato: «Da qualche anno andiamo dicendo che il tempo presente vede uno scollamento tra architettura e società civile: da un lato l’architettura concentrata in realizzazioni spettacolari, con le quali singoli soggetti celebrano il proprio successo, o le proprie ambizioni, dall’altro una sorta di atteggiamento indifferente, fino alla rinuncia completa a porre domande alla stessa architettura. Contro ogni paralizzante conformismo, le Biennali di Architettura di tutti questi anni hanno affrontato le domande che sorgono da questo stato di cose. Abbiamo sintetizzato questo nostro impegno come un contributo a far rinascere o comunque a mantenere vivo il desiderio di architettura. L’architettura è l’arte con cui i desideri, le aspirazioni, le necessità private si incontrano con le aspirazioni e le necessità pubbliche. L’architettura, nell’aiutare a formare lo spazio privato, forma anche lo spazio pubblico». La 15. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia presenterà, come di consueto, le partecipazioni nazionali, con proprie mostre nei padiglioni ai Giardini e all’Arsenale, oltre che nel centro storico di Venezia. Anche per questa edizione si prevedono selezionati eventi collaterali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento