rotate-mobile
Eventi Castello / Castello, 5607

Gli artigiani tornano a palazzo Mocenigo

Sabato 18 e domenica 19 dicembre in mostra laboratori dell'arte dove si possono vedere dal vivo i segreti e le maestrie che si celano dietro la realizzazione di raffinati manufatti. «Nonostante le difficoltà l’artigianato è vivo e vuole vivere»

La Venezia delle secolari eccellenze artigiane ritorna al museo di palazzo Mocenigo per la terza edizione di “Artigiani a Palazzo”. Sabato 18 e domenica 19 dicembre, in collaborazione con la Fondazione Musei Civici di Venezia, organizzata da Confartigianato Imprese Venezia San Lio con il contributo di Mavive e The Merchant of Venice, sarà un evento nell’evento: oltre che un'occasione per riscoprire gli antichi segreti dei nobili mestieri artigiani, sarà anche una suggestiva iniziativa culturale organizzata in città per il periodo natalizio.

I maestri artigiani veneziani che saranno ospitati nelle sale della dimora gentilizia, sede del museo e Centro studi di storia del tessuto, del costume e del profumo, daranno testimonianza del loro saper fare, con laboratori dell'arte dove si possono vedere dal vivo i segreti e le maestrie che si celano dietro la realizzazione di raffinati manufatti che appartengono da sempre alla miglior tradizione artigianale veneziana. Dieci in totale le postazioni dove si potrà vedere come lavorano gli artigiani seguendo le tradizioni di un tempo: il laboratorio dei Costumi teatrali, con il sarto Stefano Nicolao, quello degli accessori moda con le creazioni di Orsola Mainardis, i gioielli in vetro e oro con gli artigiani orafi Renata Ferrari, Francesco Pavan e Alessandra Gardin, i famosi Terrazzi alla veneziana con i terrazzieri della Vianello Pavimenti che ne spiegheranno i segreti, quello dei saponi e profumi di The Merchant of Venice, il laboratorio dei merletti di Burano e Pellestrina, il laboratorio liutaio con gli strumenti musicali di Davide Pusiol, quello dei creativi complementi d’arredo di Bertoldini&Torre, le spettacolari vetrate artistiche di Marco Franzato e il laboratorio delle Murrine di Davide Trebbi.

Per Andrea Bertoldini, presidente della Confartigianato Venezia, «questo evento è la dimostrazione che nonostante le difficoltà l’artigianato è vivo e vuole vivere, reagire, creare e continuare a stupire. L'intento dell'iniziativa non sarà solo quello di guardare al passato con nostalgia ma, al contrario, quello di valorizzare competenze e conoscenze legate alle antiche tradizioni artigiane che mai come oggi rappresentano e possono diventare una reale e importante risorsa per il rilancio anche culturale della città e un turismo di qualità». «Un percorso che abbiamo intrapreso con orgoglio – spiega Marco Vidal, ceo di The Merchant of Venice – La Venezia del futuro, tra sostenibilità, turismo di qualità e salvaguardia delle secolari tradizioni non può non legarsi alla nostra tradizione artigiana che, come un tempo è stata motore dell’economia nella Serenissima, oggi rappresenta una risorsa culturale importantissima e da rivalutare ancor di più, vista la sua unicità».

Per partecipare all'iniziativa è necessario prenotarsi attraverso il portale EventBrite (al link https://artigianiapalazzo2021.eventbrite.it) ed esibire al momento dell'ingresso la prenotazione, relativo codice fornito dalla piattaforma in forma digitale o cartacea e, come previsto dalla normativa sanitaria, il green pass.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli artigiani tornano a palazzo Mocenigo

VeneziaToday è in caricamento