rotate-mobile
Cinema Lido

Sanzioni Ue, l'Iran vuole boicottare la Mostra del Cinema del Lido

Iniziativa per protestare contro le sanzioni petrolifere varate dall'Unione europea contro il regime. In competizione ci sarebbe solo un film, criticato dal governo, nella sezione Orizzonti

La Mostra del cinema di Venezia finisce nel mirino dell'Iran. Il governo mediorientale avrebbe intenzione di boicottare la 69esima edizione del Festival per protestare contro le sanzioni petrolifere varate dall'Unione europea contro il regime.

 

“Visto che l'Ue ha imposto le sanzioni più dure, inumane e illegali contro l'Iran, stiamo naturalmente pensando di boicottare il Festival di Venezia  - ha annunciato Alireza Sajjadpur, funzionario del ministero della Cultura iraniana - Stiamo valutando la situazione”.

 

Nella sezione fuori concorso “Orizzonti” c'è l'iraniano “The paternal house” di Kianoush Ayari. La pellicola, che racconta i problemi delle donne nel sistema patriarcale iraniano, non è gradita al regime, che non ne ha autorizzato la proiezione a meno che non venga "corretto".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanzioni Ue, l'Iran vuole boicottare la Mostra del Cinema del Lido

VeneziaToday è in caricamento