Leone d'Oro alla carriera a Francesco Rosi: "Arriva al momento giusto"

Il regista quasi 90enne ha ricevuto la statuetta dalle mani di Giuseppe Tornatore: "Con i miei film ho anticipato quello che sarebbe successo. L'Italia? Gli sforzi di Monti sono encomiabili"

Francesco Rosi con il Leone d'Oro (©TM News Infophoto)

Maestro, maestro: il 'popolo' del festival, quella folla di accreditati 'professionali' che amano il cinema, scrivono sui blog, frequentano la Mostra con lo spirito degli appassionati e si mettono i soldi da parte per comprarsi l'accredito e guardano il film con animo corsaro riconoscono al passaggio Francesco Rosi, oggi Leone d'oro alla carriera a Venezia 69, e lo acclamano.

Fa effetto vedere tanti giovani riconoscere un regista che al cinema non si vede da tanto e neanche spesso in tv. Novant'anni a novembre, Rosi apprezza tanto affetto e ricambia i saluti. Accanto a lui c'é Giuseppe Tornatore che di lì a poco gli avrebbe consegnato il Leone in sala Grande al termine della proiezione del Caso Mattei, sottoposto a un restauro digitale grazie alla collaborazione tra Gucci e The Film Foundation e recuperato in digitale 4K dalla Cineteca di Bologna, presso il laboratorio l'Immagine Ritrovata. Sul red carpet alle 14 per lui si sono notati tra gli altri Luca Argentero e Charlotte Casiraghi.

"L'Italia la vedo oggi come un Paese molto diviso da varie convinzioni contrarie, ma anche finalmente partecipante a tutti gli sforzi che sta facendo il presidente Mario Monti che sono, va detto, encomiabili e che danno la possibilità, se non proprio di avviare l'Italia verso la normalità, ma almeno di contrastare i problemi che l'assillano". Questa l'opinione di Francesco Rosi.

L'autore di film come Le mani sulla città e Il caso Mattei dice di questo riconoscimento negli spazi dell'Ente dello Spettacolo: "ho lo stato d'animo giusto, è un premio che arriva dopo 50 anni di carriera e che arriva al suo scadere". E a chi gli ricorda che ci sono registi come Manoel De Oliveira che a 104 anni sono ancora attivi, risponde con ironia: "De Oliveira è solo uno. E' un regista che amo e sono felice per lui".

Quanto al desiderio di raccontare l'Italia di oggi, spiega soltanto: "Credo che con i miei film ho anticipato quello che sarebbe successo, quindi in un certo senso posso dire che il mio lavoro l'ho già fatto". (Ansa)
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia: «Vicenda di Jesolo inconcepibile, certe aggregazioni sono un danno sanitario»

  • Noale in lutto, è morto a 29 anni il consigliere comunale Damiano Caravello

  • Noto albergatore di Jesolo muore in un incidente stradale

  • Rapina una 15enne, la minaccia con delle forbici e la molesta sessualmente: denunciato

  • 17enne insegue i rapinatori e li fa arrestare

  • Coronavirus, nuovi positivi in provincia di Venezia. Ricoveri stabili a 8

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento