Cinema

Human Flow, la "marea umana" di Ai Weiwei in concorso alla 74. Mostra del cinema

Il primo film documentario realizzato all'isola di Lesbo dal 60enne regista cinese allontanato dal suo paese. Il racconto della condizione degli sfollati che oggi riguarda oltre 65 milioni di persone

Il regista Ai Weiwei. Foto: Facebook

Raccontare la condizione che accomuna oggi oltre 65 milioni di persone nel mondo: gli sfollati. Lui stesso è un migrante, il regista cinese Ai Weiwei. 60enne, allontanato dal suo paese, autore del film documentario Human Flow, scelto per il concorso alla 74esima Mostra del cinema di Venezia. Ai Weiwei, paladino dei diritti umani, lo ha girato all'isola greca di Lesbo, dove ha incontrato i profughi. Cercandoli poi in altri 23 paesi: dalla Grecia al Bangladesh, dal Kenya a Gaza e sulla frontiera messico-americana. Due anni per cogliere la situazione di quanti vivono in questo stato.
   

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Human Flow, la "marea umana" di Ai Weiwei in concorso alla 74. Mostra del cinema

VeneziaToday è in caricamento