menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tra poco si inizia davvero, sbarca al Lido la madrina Elisa Sednaoui

L'attrice 27enne accolta martedì mattina dal direttore della Mostra del cinema Alberto Barbera. Sorriso ammaliante e stuolo di fotografi per lei

Bellissima con i suoi lunghi capelli a contornare un viso sempre sorridente e pieno di entusiasmo. E' sbarcata al Lido davanti a uno stuolo di fotografi Elisa Sednaoui, l'attrice 27enne madrina dell'edizione 2015 della Mostra del Cinema. Come ogni anno, dunque, i primi flash sono per la bellezza nostrana che condurrà la serata inaugurale e quella di chiusura della kermesse che scattera mercoledì 2 settembre. Ad attenderla sul pontile dell'Excelsior il direttore artistico del Festival, Alberto Barbera, anche lui sorridente e disponibile con i fotografi. Da quel momento, dunque, si è iniziata ufficialmente a respirare l'atmosfera del grande evento. Elisa Sednaoui, ribattezzata la "madrina dei due mondi" per la sua giovinezza vissuta tra Egitto, Italia e Francia, si è presentata con un abito rosso, mostrando un fisico molto magro. 

MOSTRA DEL CINEMA 2015: TUTTO QUELLO CHE C'E' DA SAPERE

Nata a Bra nel 1987, dopo essersi affermata come modella internazionale ha debuttato nel cinema nel 2010 nel ruolo femminile principale di Indigène d'Eurasie (Eastern Drift) del regista lituano Sharunas Bartas, presentato al Forum del Festival di Berlino. Ha avuto poi il ruolo femminile principale in Bus Palladium (2010) di Christopher Thompson, film nominato ai César. Ha partecipato quindi a L'amour dure trois ans (2012) diretto da Frédéric Beigbeder, e a La leggenda di Kaspar Hauser (2012) di Davide Manuli, con Vincent Gallo, Fabrizio Gifuni e Claudia Gerini, film presentato al Festival di Rotterdam. Nel 2013 ha partecipato a Les Gamins di Anthony Marciano, nonché a Libertador di Alberto Arvelo con Edgar Ramirez, Maria Valverde e Danny Houston, presentato al Festival di Toronto. Nel 2014 ha interpretato il ruolo di Francesca in Soap opera di Alessandro Genovesi, film d'apertura del Festival di Roma. 

L'INAUGURAZIONE ALL'INSEGNA DEI CORTEI E DELLE PROTESTE

Nel luglio 2010 è stata fra i componenti della giuria del Paris Film Festival, nel settembre 2011 della giuria della sezione Revelations al Festival di Deauville e nel dicembre 2014 della giuria Cinecole presieduta da Abderrahmane Sissako al Marrakesh Film Festival. Nel 2015 Sednaoui ha debuttato nella regia col documentario Image of a Woman, ancora inedito, codiretto con Martina Gili e cosceneggiato con lo scrittore e sceneggiatore Nicholas Klein (Buena Vista Social Club, Million Dollar Hotel). Recentemente ha creato la Elisa Sednaoui Foundation (Esf), un progetto concepito per promuovere lo sviluppo personale ed educativo dei giovani nelle aree rurali egiziane, e quindi con minori opportunità, incoraggiando la creatività, la tolleranza e i valori democratici, proponendo attività culturali ed extra scolastiche. Uno dei paesi dove Esf intende iniziare a lavorare prima della fine del 2015 è l'Italia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento