menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scamarcio cerca il figlio nel nuovo film. "Venezia? A San Marco piansi"

L'attore è protagonista di "La prima luce" di Vincenzo Marra, che narra la storia di un padre separato dal figlio. "Con lui mi sono messo in gioco"

Racconta Venezia con emozione, Riccardo Scamarcio. Alla Mostra del Cinema erano in molti ad attenderlo in questi giorni, anche perché si può dire che sia una presenza fissa alla kermesse lagunare: stavolta è "La prima luce" a vederlo protagonista, l'ultimo lavoro del regista Vincenzo Marra, con il quale l'attore racconta di essersi messo in gioco. Ma nell'intervista di giovedì mattina le sue parole più sentite sono proprio per Venezia: "Una volta mi sono svegliato alle 5 e sono finito in piazza San Marco, vuota, tutta per me. E ho pianto - ha raccontato - È una città miravigliosa. Questo è un festival molto importante, e lo Stato dovrebbe sostenerlo di più".

Scamarcio in "La prima luce" (selezionato alle Giornate degli Autori e nelle sale dal 24 settembre) interpreta Marco, un padre cui viene sottratto il figlio Mateo dalla moglie Martina (Daniela Ramirez), di origine cilena. Martina scappa con il figlio a Santiago del Cile facendo perdere le proprie tracce e Marco parte alla ricerca disperata del bambino. "Mi sono ispirato al rapporto con mio padre - ha spiegato - è stato come fare appello alla mia memoria di figlio. Il mestiere dell'attore è riuscire a immedesimarsi in un'altra vita, la recitazione ti aiuta ad entrare in contatto con la realtà. È stata un'esperienza intensa e forte, mi sono messo in gioco".

Il regista teneva molto al tema della sottrazione dei figli, come confermato dal regista: "Un argomento spiazzante e inquietante - spiega Marra - questa storia l'ho sentita raccontare da un ragazzo a Roma e subito, da padre, mi sono chiesto che cosa avrei fatto se fosse capitata a me". Infine Scamarcio ha accennato al suo ruolo in "Burnt" con Bradley Cooper: "Una commedia paradossale, in cui interpreto uno chef italiano che dispensa droga ai colleghi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento