Musica, voci e rumori: al Teatrino Groggia l’esperienza insolita di un concerto al buio

Il gruppo musicale Connessioni Sonore, attraverso la performance "La Macchina del Tempo. Musica, voci, rumori: l’universo dell’ascolto” propone, spostando l’attenzione dall’aspetto visivo a quello uditivo, una duplice riflessione: da un lato sentire “il mondo come un’immensa composizione musicale”, dall’altro perseguire il concetto adorniano di “saper pensare con le orecchie”.

L'idea di questo spettacolo-concerto nasce nel 2014 da una collaborazione tra il gruppo musicale Connessioni Sonore e l'Unione Nazionale Italiana Volontari pro Ciechi di Venezia. L'intento è quello di condurre il pubblico ad una maggiore consapevolezza sui soundscape, i "paesaggi sonori" che, come una colonna sonora, si insinuano nel nostro tessuto urbano e nel contempo, evidenziare alcune delle problematiche che i non vedenti incontrano nella quotidianità.

Come dice Roland Barthes, “l’ascolto è in fondo un piccolo teatro”. Su questo paradigma si basa il progetto che da anni il gruppo porta in scena solitamente in teatri o sale poste rigorosamente al buio in modo da evitare che la platea utilizzi la vista come veicolo interpretativo.

Quattro i “quadri sonori” che ripercorrono idealmente i diversi soundscapes del mondo dalla sua nascita ad oggi: suoni archetipi primordiali, suoni della natura, suoni prodotti dall’uomo, prima e dopo la Rivoluzione Industriale e suoni della modernità, vengono affiancati dall’esecuzione di composizioni musicali atte a creare momenti di “libero spazio-sogno”. Un quinto “quadro sonoro”, dedicato a Venezia, al suo entroterra e alla sua laguna, conclude lo spettacolo in segno di omaggio a tutti quei suoni e a quelle voci che, come in una irreale dimensione senza tempo, scandiscono con immutato pathos, la vita quotidiana di questa millenaria ma al contempo fragile città.

“Il paesaggio sonoro del mondo è una composizione indeterminata sulla quale non possediamo alcuna possibilità di controllo, oppure ne siamo noi stessi i compositori e gli esecutori, siamo noi i responsabili della sua forma e della sua bellezza”. Forti degli insegnamenti di Schäfer, sta a noi allora iniziare dalle piccole cose per far sì che tutto cambi.


 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Il concerto di Tommaso Paradiso a Jesolo slitta al 2021

    • 18 aprile 2021
    • PalaInvent

I più visti

  • Notre Dame de Paris sbarca a Jesolo: date rinviate a maggio 2021

    • dal 7 al 9 maggio 2021
    • PalaInvent
  • Mostra fotografica "Il viaggio", tempo spezzato

    • dal 27 febbraio al 27 aprile 2021
    • Bacaro dei Storti
  • Un weekend Strabiologico: prodotti biologici e artigianato in Villa Loredan

    • Gratis
    • dal 23 al 25 aprile 2021
    • Villa Loredan
  • Il concerto di Tommaso Paradiso a Jesolo slitta al 2021

    • 18 aprile 2021
    • PalaInvent
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    VeneziaToday è in caricamento