menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Al via a Venezia il corso per riflettere sullo sport e la sua valenza educativa

"Sport in movimento. Educare ad una mente sportiva", questo il nome del progetto promosso dal Comune di Venezia e rivolto a società e tecnici sportivi, allenatori, insegnanti e genitori

L'esperienza sportiva come leva per il cambiamento, l'agonismo come confronto con se stessi e con gli altri, la sconfitta come opportunità per migliorarsi e crescere: sono solo alcuni dei temi al centro di “Sport in movimento. Educare ad una mente sportiva”, il progetto promosso dal Comune di Venezia e rivolto a società e tecnici sportivi, allenatori, insegnanti, genitori che vogliano confrontarsi con le tematiche legate allo sport e alla sua valenza educativa.

Il percorso, che si svilupperà in tre incontri, è stato presentato martedì mattina a Ca' Farsetti con una conferenza stampa alla quale sono intervenuti il consigliere delegato allo Sport, Paolino D'Anna, il presidente della Commissione consiliare Sport del Comune di Venezia, Matteo Senno, il direttore della Direzione Cultura, Sport e Associazionismo locale, Maurizio Carlin, Alessandro Tettamanzi, funzionario dei Servizi educativi territoriali del Comune e psicologo dello sport, e Michela Vomiero, tecnico sportivo e autrice del libro "Io sono in movimento - Lo sport educa a vivere SportivaMente parlando".

"Alla presentazione della proposta - ha esordito D'Anna - sono state invitate il mese scorso tutte le 109 società sportive che gestiscono strutture sportive del Comune di Venezia, 54 a Venezia e 55 in terraferma, 24 delle quali si sono già iscritte al corso. L'iniziativa è a costo zero per l'amministrazione comunale grazie al supporto che Michela Vomiero e Alessandro Tettamanzi, docenti del corso, hanno offerto a titolo gratuito: un lavoro di squadra che ha permesso di costruire una proposta in grado di fornire strumenti utili per rispondere alle esigenze delle diverse società sportive”. "La pratica sportiva - ha aggiunto Senno - insegna valori importanti come il fare comunità e il sapersi rialzare dopo una sconfitta: capacità fondamentali non solo per chi fa sport ma per tutti coloro che vogliono diventare cittadini con la C maiuscola".

Spesso si associa lo sport agonistico unicamente all'eccellenza dei risultati ottenuti, ma per educare dei campioni, sul campo di gioco come nella vita, ci vuole molto di più. "Lo sport - ha sottolineato Vomiero - è 'spingersi lontano', ricercando il risultato migliore. Ma per farlo in modo efficace è necessario prima conoscersi a fondo, fornire strumenti per insegnare a conoscere e valorizzare il potenziale di ogni giovane atleta".

Si parte lunedì 17 ottobre con il primo appuntamento dal titolo “Il risultato di una mentalità vincente”. Seguiranno, mercoledì 9 novembre, “Una didattica per educare vincenti: come trasformare il limite in possibilità” e giovedì 24 novembre “Io sono l'artefice del mio cambiamento: perché migliorare tutti?”. Gli incontri si terranno al Tronchetto, al Centro di formazione del Comune di Venezia, sala “Itaca”, dalle ore 18 alle 20. Per iscriversi basta inviare un'email a sport.ve@comune.venezia.it entro giovedì 13 ottobre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento