rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Cultura San Marco / Piazza San Marco

Arriva anche a Venezia l'Earth Hour, l'ora della Terra spegne San Marco

Il 23 marzo dalle 20.30 alle 21.30 sarà spenta l'illuminazione delle Procuratie e di Palazzo Ducale. Tanti anche i privati che aderiranno

“Spegnere la luce per tenere alta l'attenzione sui problemi climatici per uno stile di vita sostenibile”. E' con questo slogan che il Wwf internazionale promuoverà sabato 23 marzo, dalle 20.30 alle 21.30, la settima edizione di “Earth Hour – l'ora della Terra”, cui hanno aderito 120 nazioni nel mondo e oltre 300 Comuni in Italia. A Venezia sarà spenta l'illuminazione delle Procuratie e di Palazzo Ducale grazie all'adesione dell'amministrazione comunale e della fondazione Musei civici. L'iniziativa è stata presentata oggi a Ca' Farsetti, a cui sono intervenuti l'assessore comunale all'Ambiente, Gianfranco Bettin, il presidente del Wwf Venezia, Claudio Bertato e la responsabile del Servizio comunale di Educazione Ambientale, Caterina Dezuanni.

Il programma della manifestazione prevede per sabato, alle 19.30, anche una camminata con bastoncini, eventualmente disponibili, in collaborazione con Asd Nordic Walking Mestre, che partirà all'imbarcadero di Sant'Elena e giungerà in Piazza San Marco in tempo per lo spegnimento delle luci.

“In questo momento in cui la crisi economica fa sentire i suoi effetti in termini di disoccupazione e disagio sociale - ha precisato Bertato - parlare di ambiente appare una questione residuale: invece questa iniziativa è uno stimolo per definire dei modelli di sviluppo sostenibili dal punto di vista dei consumi delle risorse naturali, per ridurre la propria impronta sul pianeta e costruirci un futuro.”

“Questa iniziativa - ha precisato Bettin - lancia dei segnali sul risparmio energetico, sulle fonti di energia rinnovabili e sui cambiamenti climatici. L'Italia è uno dei pochi Paesi al mondo in cui su questi argomenti non si fanno né i programmi elettorali, né quelli di governo. Temi centrali nel resto del mondo che qui rimangono marginali anche se segnano non solo il nostro futuro ma determinano anche il nostro presente. Basti pensare ai danni provocati dalla mancanza di programmazione per mettere in sicurezza i nostri territori, in cui si interviene solo dopo i disastri, pagando un prezzo altissimo sia in termini di costi umani che economici. E anche se 'Earth Hour' ha un valore simbolico è bene ricordare le azioni che sono inserite nei programmi dell'amministrazione, come il Piano di azione per l’energia sostenibile. Ma l'invito ad aderire a 'L'ora della Terra' è rivolto a tutti i cittadini per produrre buone pratiche, utili al cambiamento positivo, al rallentamento del cambiamento climatico e alla fuoriuscita da un modello dissipativo ed energivoro. Non rallentiamo il nostro impegno”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arriva anche a Venezia l'Earth Hour, l'ora della Terra spegne San Marco

VeneziaToday è in caricamento