menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Venezia città delle donne": premiata la 101enne Emma Vidal, decana delle merlettaie

Rappresentante di una tradizione che sta pian piano scomparendo, ha ricevuto il riconoscimento mercoledì dalle mani della Damiano. Presente anche la presidente Muve

“Salviamo il merletto di Burano”: è questo l'appello accorato che Emma Vidal, centunenne decana delle merlettaie dell’isola di Burano ha rivolto alla città in occasione della cerimonia di consegna del Premio “Venezia città delle donne”, il riconoscimento istituito lo scorso anno dalla Fondazione Musei Civici Veneziani, in collaborazione con l’Amministrazione comunale, per dare risalto a quelle figure femminili che più hanno caratterizzato la storia di Venezia nel campo del sapere artigianale, delle arti, dell’economia, dell’insegnamento e di tutti quei settori che contribuiscono a far crescere il corpo sociale cittadino.

Il prestigioso premio, che oggi è stato assegnato proprio alla signora Emma, viene conferito ogni anno ad una donna che si è saputa distinguere nel proprio ambito, divenendo un punto di riferimento anche per le generazioni future. Presenti alla cerimonia la presidente del Consiglio comunale, Ermelinda Damiano, la presidente della Fondazione Muve, Mariacristina Gribaudi, la direttrice del Museo, Chiara Squarcina, Luisella Pavan Woolf, ambasciatrice dell’Unione Europea presso il Consiglio d’Europa, e Lauso Zagato, giurista e docente di Diritto internazionale all’Università Ca’ Foscari.

"Questo premio - ha esordito Damiano - ha un valore altamente simbolico. È infatti un premio dedicato alle donne che hanno fatto grande la nostra città: donne come la piccola ma grande Emma Vidal, un esempio per tutti noi, una maestra del merletto ma anche una maestra di vita. Proprio un anno fa - ha ricordato la presidente del Consiglio - è stato sottoscritto il protocollo d'intesa per la candidatura del merletto italiano a Patrimonio immateriale dell'umanità dell'Unesco, un progetto che ha visto uniti in rete 16 Comuni italiani per salvaguardare, promuovere e valorizzare un'arte millenaria e preziosa, simbolo della cultura e dell'identità del nostro Paese. Per salvare il merletto bisogna unire le forze, lavorare insieme: lo dobbiamo a Emma e a tutta la città".

Della passione di Emma per il merletto, della sua battaglia per la conservazione di quest'arte ha parlato la presidente Gribaudi: “Prenditi cura del merletto - mi ha detto Emma in occasione della festa per i suoi 100 anni, il 14 febbraio dell'anno scorso - perché se muoio io, muore tutto”. “Il Premio Venezia città delle donne - ha proseguito Gribaudi - va ad Emma, perché se lo merita, e per continuare a dare visibilità a quella eccellenza italiana che è il merletto di Burano, un patrimonio inestimabile di cui tutti dobbiamo farci carico”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lo show "4 Hotel" dello chef Bruno Barbieri parte da Venezia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento