menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'attore Boris Karloff come mostro di Frankenstein nel film Frankenstein del 1931 (Wikimedia Commons)

L'attore Boris Karloff come mostro di Frankenstein nel film Frankenstein del 1931 (Wikimedia Commons)

Ca' Foscari celebra i 200 anni di Frankenstein: un simposio con studiosi da tutto il mondo

Il 21 e 22 febbraio 45 studiosi di tutto il mondo celebrano il capolavoro di Mary Shelley. Oltre alle relazioni sull’esegesi del romanzo si analizzeranno rifacimenti e trasposizioni

In occasione del bicentenario di Frankenstein, il romanzo di Mary Shelley, si terrà a Ca’ Foscari il 21 e 22 febbraio un convegno internazionale che vedrà la partecipazione di quarantacinque studiosi provenienti da tutta Europa, dagli Stati Uniti, dal Canada e dalla Corea.

La storia del mostro

Nato quasi per caso nella cornice delle Alpi francesi, allorché Lord Byron lanciò una sfida amichevole a chi avrebbe scritto la più agghiacciante storia di fantasmi, Frankenstein venne pubblicato anonimo nel gennaio del 1818, rivelandosi subito un grandissimo successo editoriale. Ma nessuno allora avrebbe immaginato che l’infelice mostro creato dalla fantasia di una ventenne, al suo esordio, sarebbe riuscito a sopravvivere e a riprodursi con la fertilità e varietà temute dal suo creatore, lo scienziato ginevrino Victor Frankenstein, rivelandosi uno dei miti  più duraturi e rivisitati dell’immaginario collettivo.

Scarica il programma dell'evento

Rifacimenti, adattamenti e trasposizioni cinematografiche

Il convegno si articola in sessioni parallele e si apre con la relazione plenaria di Marie Mulvey-Roberts, autrice di svariati studi su Mary Shelley cui seguirà il giorno successivo quella di David Punter, il maggiore esperto in Europa di letteratura gotica. Alle relazioni imperniate sull’esegesi del romanzo, la poetica del sublime, i rapporti con il mito e le coeve sperimentazioni scientifiche, si affiancheranno numerose quelle sulle riduzioni, i rifacimenti, gli adattamenti per il palcoscenico, le trasposizioni cinematografiche, le serie televisive e i fumetti d’autore. Altri interventi, in una prospettiva comparatistica, affronteranno la questione della ricezione di Frankenstein in Italia, nel nord Europa, nei paesi mediterranei e balcanici, le riscritture, i prequel e i sequel che si sono succeduti negli anni – testimonianza della vitalità, suggestione e potenza visionaria di un’opera che continua a parlare all’uomo contemporaneo.

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Attualità

Marea di borse in plastica invade la scala Contarini del Bovolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento