Officina della danza ha presentato "Coppelius"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

Pioggia e mondiali non hanno impedito il tutto esaurito al teatro di Villa Belvedere per lo spettacolo di danza "Coppelius", tratto da "Coppelia", un'opera del XIX secolo. L'adattamento, a cura di Patrizia Savoldi, insegnante e titolare della scuola di Mirano "Officina della Danza", ha visto in scena tutte le classi della scuola suddivise in ruoli più o meno complessi in base all'età delle allieve, anche grazie alla preparazione delle insegnanti di contemporaneo Alessandra Foffano e hip hop Angela Mazzucco. Colorati costumi, coreografie e apparato scenico hanno contribuito a tenere il pubblico col fiato sospeso fino al finale inaspettato, in cui il diabolico creatore di splendide bambole danzanti Coppelius, portato in scena per l'occasione dal fotografo Don Oscarez, è stato ghermito niente di meno che dal diavolo Azazel, interpretato dal cosplayer Michele Tagliapietra, aiutato nel trucco particolarmente impegnativo dal collega Michael Genovese. Una splendida occasione per riunire varie discipline artistiche capaci di intrattenere il pubblico, che ha salutato la fine dello spettacolo con un lungo applauso.

I più letti
Torna su
VeneziaToday è in caricamento