Recluse: lo sguardo della differenza femminile sul carcere

Organizzato dall'Associazione di volontariato penitenziario "Il granello di senape", venerdì 13 marzo presentazione del libro "Recluse: Lo sguardo della differenza femminile sul carcere" (ed. Ediesse).
Ne discutono con le autrici Susanna RONCONI, Grazia ZUFFA e con Franco CORLEONE, autore della postfazione, Franca MARCOMIN e Alessandra DE PERINI,
introduce maria Teresa MENOTTO

Le donne sono una percentuale minoritaria dell'intera popolazione detenuta italiana, appena il 4%.Questa loro scarsa presenza, invece di rappresentare la garanzia di maggiori opportunità e miglior gestione degli istituti che le ospitano, si traduce troppo spesso in invisibilità e irrilevanza, e porta con sé una omologazione all'immagine della detenzione maschile che cancella ogni differenza di genere e ogni analisi che la includa e la comprenda.
Questo libro si basa su interviste a donne detenute nelle sezioni femminili delle carceri di Sollicciano, Empoli e Pisa, e nasce dal desiderio di indagare la soggettività delle donne detenute e dare ad esse voce, senza assecondare visioni «patologizzanti» del reato al femminile né facili stereotipi sulla «debolezza» delle donne detenute. Al contrario, lo sforzo è di rintracciare nelle loro biografie, nelle loro autoriflessioni e valutazioni due diverse «mappe»: quella delle sofferenze, dei fattori di stress e dei momenti critici indotti dalla carcerazione, da un lato; e dall'altro, quella delle risorse, delle strategie personali, in una parola della forza e dei fattori di tenuta, resistenza e resilienza, che consente loro non solo di «tenere» durante la detenzione, ma anche, nonostante tutto, di apprendere e immaginare un futuro.
Le autrici compiono un'analisi critica dell'istituzione carcere che guarda a possibili trasformazioni: pur consapevoli dell'irrisolvibile, ontologica sofferenza inflitta dalla detenzione, le ricercatrici si muovono nel solco di un «riformismo disincantato», volto a contrastare la quota di «sofferenza aggiuntiva», inutile e ingiusta, basata su un insufficiente riconoscimento di diritti umani e civili inalienabili. Con l'obiettivo di promuovere una cultura e una prassi che supportino - invece che limitare o osteggiare - le strategie di «tenuta» che la differenza femminile mette in campo.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

I più visti

  • Donne di Venezia tra vizi e virtù

    • 6 marzo 2021
    • Presso la statua di Carlo Goldoni
  • Storie di Carta: arrivano nuovi spettacoli per bambini sulla piattaforma Backstage

    • Gratis
    • dal 5 febbraio al 9 aprile 2021
    • Backstage (piattaforma TSV)
  • "Covid19 e poi?" Il corso di Alta Formazione rivolto anche agli imprenditori

    • dal 5 marzo al 25 giugno 2021
    • On line su piattaforma fornita dal Centro Consorzi di Sedico
  • Visite guidate in diretta streaming alla Querini Stampalia

    • dal 25 febbraio al 25 marzo 2021
    • Querini Stampalia (in streaming)
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    VeneziaToday è in caricamento