Domenica, 16 Maggio 2021
Cultura

Statua del Tòdaro "rimessa a nuovo": il santo torna a proteggere Venezia dall'alto

L'intervento, durato 11 mesi, è stato finanziato da Rigoni di Asiago. La svelatura e la benedizione della statua restaurata giovedì mattina a Palazzo Ducale. Presente il sindaco

Dopo undici mesi di lavori è stato completato il restauro della statua del Todaro, l'originale dell'opera che sormonta una delle colonne di Piazzetta San Marco, a Venezia. La riconsegna e la benedizione della statua è avvenuta giovedì mattina nel corso di una breve cerimonia nel cortile di Palazzo Ducale, alla presenza del primo cittadino lagunare, Luigi Brugnaro.

Il restauro, effettuato da Lares, è stato reso possibile grazie alla collaborazione tra Comune di Venezia, Fondazione Musei Civici e Fondaco ed è stato finanziato da "Rigoni" di Asiago. I restauratori hanno effettuato un'operazione di consolidamento, pulitura, stuccatura, ricostruzione e protezione dei vari elementi lapidei e bronzei. "Adesso - ha assicurato Mario Massimo Cherido, di Lares - la statua sta bene e si presenta compatta". Gli ha fatto eco Mariacristina Gribaudi, presidente della Fondazione Musei Civici: "Abbiamo rispettato i tempi - ha commentato - ma anche i visitatori, in un bellissimo esempio di come si può essere imprenditori in questi anni. E Venezia è grata a questi imprenditori".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'obiettivo del restauro, come ha spiegato Andrea Rigoni, amministratore delegato di Rigoni di Asiago, è stato quello di essere di esempio per tutti quelli che hanno la possibilità di prendersi cura del patrimonio culturale ed architettonico. "Fate come me, - ha sottolineato - e l'Italia rinascerà".

L'intervento del sindaco. "Dico grazie a Rigoni - ha dichiarato Brugnaro - perché quello che ha fatto dimostra che la città metropolitana di Venezia esiste ed è nel cuore di tutti noi. La strada che ha intrapreso è quella del valore etico di impresa. Questa operazione dimostra come dobbiamo agire per la città: tutti, privati e pubblici, insieme. Il futuro è sulle nostre gambe non sui soldi pubblici - ha chiosato - Si tratta di una grande operazione etica".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Statua del Tòdaro "rimessa a nuovo": il santo torna a proteggere Venezia dall'alto

VeneziaToday è in caricamento