Torna alla musica il chiostro del Future Centre con l'associazione Musica Venezia

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

DA SABATO 6 LUGLIO TORNA A RISUONARE

IL CHIOSTRO DEL FUTURE CENTRE CON LE "SERENATE PER L'ESTATE"

S. SALVADOR - VENEZIA - ORE 18.00

Torna ai veneziani con l'Associazione Culturale Musica Venezia il meraviglioso chiostro del Telecom Italia Future Centre, con quattro "Serenate per l'estate" tutti i sabati dal 6 luglio alle 18.00.

Quattro appuntamenti a partire da sabato 6 luglio alle 18.00 ribattezzeranno in musica il chiostro del Telecom Italia Future Centre, in restauro da più di un anno, grazie all'Associazione Culturale Musica Venezia e alla sua direttrice artistica, Roberta Reeder, che ha chiamato giovani talenti internazionali a celebrare Venezia come città cosmopolita nella storia e ancora oggi.

Le "Serenate per l'estate" -questo il titolo della rassegna- regaleranno al pubblico un repertorio musicale per tutti i gusti, dal barocco al '900, dall'Italia, all'Europa e alla Russia.

La serie di concerti inizia il 6 luglio alle 18.00 con "La bellezza del barocco" con un connubio strumentale tra tiorba, viola da gamba e flauto. Ascolteremo musica di compositori italiani come Antonio Vivaldi, Benedetto Marcello, il poco conosciuto Giovanni Battista Fontana e il compositore francese Marin Marais. Alla viola da gamba e flauto dolce Laura Secco sarà accompagnata da Pier Paolo Ciurlia con la tiorba. Il concerto sarà replicato sabato 13 luglio alle 18.00.

Un Redentore insolito all'insegna della musica russa per il terzo appuntamento, sabato 20 luglio alle 18.00, con un omaggio al 100° anniversario della prima esecuzione del balletto "La sagra della Primavera" di Igor Stravinsky, avvenuta nel 1913 al Théâtre des Champs-Elysées.

Per illustrare l'influenza della musica popolare dei contadini russi, Violetta Svatnykh, soprano russo specializzato nel repertorio, e Sara Bardino, mezzosoprano veneziano, eseguiranno le canzoni tradizionali russe e alcune melodie di Stravinsky dai cicli "Quatro Canzoni Popolari Russe" e "Pribaoutki". Il Venice Duo, composto dai pianisti Daniel Castro, costaricano, e Ramona Munteanu, di origine romena, eseguirà poi una versione di "La sagra della primavera" per 2 pianoforti, scritta da Stravinsky stesso.

L'ultimo weekend di luglio avrà come protagoniste l'arpa e la voce, sabato 27 luglio alle 18.00, con le musiche francesi e spagnole di Pauline Viardot, Manuel De Falla, Enrique Granados, Reynaldo Hahn e Juan Del Encina. Nabila Chajai, musicista di origine marocchina e prima arpa dell'Orchestra del teatro La Fenice, accompagnerà il contralto veneziano Giovanna Bragadin ed eseguirà anche alcuni brani da solista, tra cui un'antica canzone sefardita spagnola.

Una chiusura speciale per una rassegna che fa incontrare la cultura e la musica in modo trasversale nei luoghi e nei secoli, da non perdere.

L'ingresso ai concerti è libero fino ad esaurimento posti, su prenotazione al 327.4356536

I più letti
Torna su
VeneziaToday è in caricamento