rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cultura

Successo per la perfomance "College" tra campielli e teatri

Veneziani, turisti, appassionati hanno a centinaia affollato le performance di un'inedita Biennale College/Danza che si è svolta tra i campi, i campielli, i cortili dei palazzi e i teatri di Venezia in questi due ultimi giorni

Veneziani, turisti, appassionati hanno a centinaia affollato le performance di un'inedita Biennale College/Danza che si è svolta tra i campi, i campielli, i cortili dei palazzi e i teatri di Venezia in questi due ultimi giorni. "La Biennale College/Danza nasce 'aperta' - afferma il presidente Paolo Baratta - coinvolgendo la città non solo come spettatrice ma come partecipe del fenomeno Danza. Hanno partecipato al College, lavorato insieme per giorni e giorni e poi si sono esibiti 70 danzatori e 50 cittadini (madri e figli, giovani e anziani) che hanno voluto 'capire' la danza praticandola e vivendola direttamente con un maestro come Virgilio Sieni, direttore del Settore. Un esperimento che ha generato entusiasmo e che darà certamente ulteriori frutti".

Nora Chipaumire, Eleanor Bauer, Cristina Rizzo, Iris Erez, Simona Bertozzi sono le 5 coreografe che, in una prova di resistenza, hanno sorpreso il pubblico danzando per 3 ore chiuse ognuna in una teca trasparente tra i Giardini, Campo Sant'Angelo e Campo Santo Stefano. Madri e figli, anziani e giovanissimi insieme a danzatori professionisti hanno intrecciato i loro movimenti nelle tante 'Agora'' che si sono alternate tra Campiello Novo, Campo Pisani, Campo San Maurizio e le Gaggiandre dell'Arsenale sotto la guida di Virgilio Sieni, Frank Micheletti, Thomas Lebrun. Alla Sala delle Colonne di Cà Giustinian, sede della Biennale, hanno trovato spazio le nuove coreografie di 'Prima Danza', ad opera di Lorena Dozio, Stefania Rossetti, Sara Dal Corso, Caterina Basso, Tiziana Passoni ed Elisa Romagnani, tutte giovani artiste selezionate per Biennale College.

Al Teatro La Fenice, al Conservatorio e nei teatri dell' Arsenale si sono svolte le 'Invenzioni' di Alessandro Sciarroni, Arkadi Zaides, Michele Di Stefano, nate dal lavoro con i giovani danzatori scelti sempre per Biennale College; le coreografie di Virgilio Sieni e Itamar Serussi per 'Vita Nova', con protagonisti ragazzi e ragazze tra i 10 e i 13 anni; infine le 'Visitazioni' con le merlettaie veneziane guidate da Ambra Senatore e le donne dell'Ilva di Taranto da Virgilio Sieni. Tre giorni di spettacoli non-stop orchestrati dal Direttore del Settore Danza come i diversi capitoli di un unico 'racconto' che si snoda per la città e intitolato Abitare il mondo. Camminare, osservare lo spazio, sostare, incontrare l'altro è l'invito rivolto da questa Biennale Danza agli spettatori di ogni età e di ogni provenienza che hanno partecipato alla kermesse.
(ANSA)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Successo per la perfomance "College" tra campielli e teatri

VeneziaToday è in caricamento