Al via DESIGN.VE, il Festival Biennale del design a Venezia

La mostra collettiva per la città lagunare, che vivrà il momento clou a Palazzo Morosini, si terrà dal 23 maggio al 17 giugno e vede il coinvolgimento di oltre 70 designers

La seconda edizione di DESIGN.VE, il festival biennale del design a Venezia, si svolgerà dal 23 maggio al 17 giugno 2018, in parallelo al primo mese della Mostra Internazionale di Architettura. DESIGN.VE combina la scoperta del design con l’esperienza immersiva che la città lagunare offre.

In un luogo dove il tempo scorre a una velocità diversa, dove la percezione dello spazio è plasmata dalla scansione dei passi, camminare implica una disposizione all’incontro che è impossibile altrove. DESIGN.VE è una passeggiata attraverso la città, in cui ogni tappa è l’occasione per scoprire progetti di design ambientati in luoghi unici, spesso non accessibili al pubblico e fuori dalle rotte turistiche più tradizionali.

Venezia è una città significativa per Generali che conserva tracce importanti della sua storia e le radici del suo lavoro di assicuratore. È anche uno snodo simbolico per la filosofia di questa rassegna: in un luogo dove il tempo scorre a una velocità diversa, dove la percezione dello spazio è plasmata dalla scansione dei passi, camminare implica una disposizione all'incontro che è impossibile altrove. DESIGN.VE è una passeggiata attraverso la città, in cui ogni tappa è l’occasione per scoprire progetti di design ambientati in luoghi unici, spesso non accessibili al pubblico e fuori dalle rotte turistiche più tradizionali.

Il percorso di DESIGN.VE si articola in una mostra collettiva principale, e in altri diciassette progetti espositivi (tutti ad ingresso libero) distribuiti nelle varie zone della città e vede il coinvolgimento di oltre 70 designers. Una mappa unirà tutti questi punti per suggerire le Design Walks, che si snoderanno tra i diversi sestieri: San Marco, il cuore storico della città; Castello, dove si trovano le sedi ufficiali di Biennale, Giardini e Arsenale; Dorsoduro, l’area dei principali centri culturali, e Cannaregio, uno tra i luoghi più autentici e popolari della città.

La seconda edizione, che presenterà il lavoro di designers indipendenti, aziende, istituzioni museali e accademiche operanti del campo del design a livello nazionale e internazionale, avrà Generali Italia come Main Partner dell’iniziativa. E grazie a Valore Cultura, il progetto della Compagnia che, dal 2016 sostiene le migliori iniziative artistiche e culturali per renderle accessibili a un pubblico sempre più vasto, si aprirà per la prima volta al mondo del design, una delle sedi storiche di Generali in città, Palazzo Morosini Gatterburg, che ospiterà la mostra collettiva principale di Design.Ve e dove il 23 maggio avranno luogo le Design Talks. Si alterneranno nella discussione e nella presentazione dei loro progetti: Humberto Campana, per l’Istituto Campana; Xenia Reeman curatrice del Die Neue Samlung Museum di Monaco; Sumantro Ghose direttore della London Design Biennial; Alessandro Marchionne amministratore delegato di Genagricola, con Land Italia, ideatrice quest’ultima del masterplan del progetto di valorizzazione paesaggistica della storica tenuta di Genagricola. Progetto culminato con il concorso artistico internazionale le Tre Soglie di Ca’ Corniani – Terra d’avanguardia, che ha visto vincitore il celebre artista Alberto Garutti. Le sue opere saranno installate in corrispondenza dei tre ingressi principali alla tenuta: un grande tetto dorato per l’antico casale ora abbandonato, una scritta al neon che si illumina a ogni fulmine che cade in Italia, delle sculture ritratto dei cani e cavalli che vivono nel podere.

Marco Sesana, Country Manager e Amministratore Delegato di Generali Italia: “Con il sostegno a DESIGN.VE, Generali Italia estende la sua azione di supporto e sviluppo alla creatività contemporanea, facendo del design un altro degli strumenti per la diffusione di idee e valori innovativi”.

***

Il tema curatoriale

Il tema curatoriale dell’edizione 2018, “Design After Darwin. Adapted to Adaptability”, intende esaltare il valore di apertura del design verso usi alternativi, molteplici e stratificati, rispetto a ogni idea di coincidenza totale con una funzione predeterminata. In un mondo in cui le funzioni evolvono in modo frenetico, il design diviene ingrediente attivo della trasformazione della vita quotidiana, grazie alla capacità di interagire con i percorsi imprevedibili del futuro, e di reinventare ciò che è stato immaginato nel passato.

“Design After Darwin. Adapted to Adaptability” è anche il titolo della mostra collettiva principale, che avrà luogo presso Palazzo Morosini Gatterburg in Campo Santo Stefano, fulcro dell’intera iniziativa e punto di partenza per le Design Walks.

DESIGN.VE intende offrire uno sguardo eccentrico rispetto alle grammatiche consolidate del design, per approfondire la relazione tra il linguaggio internazionale del progetto e la specificità della città lagunare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Spara e uccide l'ex marito della compagna: arrestato

  • "Reato di procurato allarme": presentato un esposto contro il presidente Luca Zaia

  • Controlli più restrittivi su chi torna da fuori Europa: la nuova ordinanza regionale

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

  • Forte maltempo, possibili rovesci con grandine

Torna su
VeneziaToday è in caricamento