menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Primavera "diffusa" a Venezia, 237 eventi in 91 giorni: "Obiettivo riconquistare i parchi"

È stata presentata giovedì mattina al Centro Culturale Candiani di Mestre la kermesse "Città in Festa - Primavera". Tante novità e manifestazioni consolidate, distribuite in tre mesi

237 eventi, distribuiti in 91 giorni e in oltre 70 luoghi. 50 saranno i momenti musicali, 6 le regate e 7 le feste tradizionali. Oltre a tutta una serie di mercatini “consolidati”. Per un cartellone molto corposo. È stata presentata giovedì mattina al Centro Culturale Candiani di Mestre la kermesse “Le città in festa - Primavera”, alla presenza dell’assessore al Turismo, Paola Mar,  di quello al Commercio, Francesca Da Villa e del consigliere delegato Giovanni Giusto.

Novità e certezze. “Ringrazio chi ha voluto sperimentare e fare qualcosa di nuovo. Auguro a loro lo stesso successo che hanno avuto le manifestazioni avviate negli anni passati e che continuano ad essere riproposte con successo - ha sottolineato Mar - Le Città in Festa Primavera porrà l’accento sulla natura, con manifestazioni floro-vivaistiche e agroalimentari già diffuse nei comuni circostanti, ma assenti a Venezia, nonché sullo sport e sui mercatini”. Importante sarà anche il recupero del verde: “Stiamo andando a riconquistare i parchi: le manifestazioni daranno un contributo alla lotta al degrado.

“Le iniziative sono molte. Divulgare, diffondere e ripartire - ha spiegato l’assessore al Commercio Da Villa - sono le parole chiave della manifestazione. I parchi torneranno ad essere al centro della vita sociale e commerciale, luoghi che cominciano piano piano ad essere allontanati dal degrado”. Da Villa ha portato l’esempio di Mestre, ponendo l’accento sull’importanza delle iniziative “fuori” dal centro, quelle dislocate nelle strade di quartiere, ai lati delle strade. “Molto importanti, negli ultimi anni, sono state le iniziative dei singoli, che abbiamo cercato di inglobare e potenziare”.

L'obiettivo dell'Amministrazione è quella di ridare impulso alle date importanti della storia di Venezia. "Come già fatto con il ‘Cao de Ano Veneziano’ a inizio marzo, - ha spiegato Giusto - che è stato un grande successo. Molti eventi sono pensati per ripristinare le tradizioni. Nella Basilica dei Santi Giovanni e Paolo ricorderemo la Battaglia di Lepanto attraverso delle coreografie e scenografie che ci riporteranno a quei tempi, ma importante sarà anche il ripristino della ricorrenza del nostro santo patrono, San Marco”. Con l’inizio della primavera tornerà anche la stagione remiera: “Ci stiamo impegnando per dare vita a qualcosa di nuovo: il cartellone è sempre lo stesso, ma stiamo cercando di trovare le risorse per rilanciare un mondo che deve essere sostenuto. Che non deve essere più stantio”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento