menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Marinaretto", gli ex allievi ci riprovano: un evento per salvare la storica nave-scuola

Il 9 ottobre è previsto un happening a bordo dell'imbarcazione alla deriva di fronte all'isola di Poveglia. La speranza è che l'Arsenale possa accogliere l'imbarcazione

Sarà l'occasione per fare notizia, per chiedere attenzione e aiuto. Oramai da tempo la gloriosa nave-scuola "Marinaretto" è ormeggiata di fronte all'isola di Poveglia, nella laguna veneziana, in attesa di capire se e quando potrà accedere all'Arsenale. L'imbarcazione della Cini, che per decenni è stato il mezzo principale con il quale molte generazioni di marinai hanno imparato ad andare per mare, è alla deriva, in attesa che qualcuno si prenda la briga di rimetterla in sesto. Già in passato ex allievi hanno chiesto alla Fondazione e al Comune di farsene carico, con la promessa che prima o poi sarebbe stato trainato in Arsenale.

Di conferme non ce ne sono, e la situazione è ancora in una fase di stallo. "Nonostante sembrasse che il suo ingresso in Arsenale fosse imminente - fanno sapere gli ex allievi - ancora oggi ci sentiamo rispondere che 'queste cose hanno i loro tempi', procrastinando, di fatto, il riposo di questo grande cetaceo stanco". Domenica prossima, quindi, tutte le redimere veneziane sono state invitate a bordo della nave-scuola, per un brindisi augurale, nella speranza che si trovi una soluzione in breve tempo.

Sarà l'occasione per coinvolgere maggiormente le persone, "affinché il giorno in cui sarà finalmente trainato in Arsenale, ci facciano da scorta a remi quante più barche e persone possibili. Pensiamo che l'evento del 9 ottobre possa essere un'occasione per far notizia, per far in modo che le persone interessate, quelle che potrebbero dare il benestare all'ingresso della nave scuola in Arsenale, sentano arrivare da un'altra direzione questa richiesta di attenzione e di aiuto". Per l'occasione, gli ex allievi hanno anche fatto stampare delle magliette da indossare, come una sorte di divisa. Quella stessa divisa indossata da molti marinai proprio grazie ai servigi resi dal Marinaretto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento