Giornate FAI d'autunno: aperture straordinarie per scoprire i tesori artistici italiani

Torna il weekend dedicato alla bellezza e all'esplorazione di luoghi normalmente inaccessibili o poco valorizzati. Gli appuntamenti a Venezia e Noventa di Piave il 12 e 13 ottobre

Casa Bortoli

Anche in questo autunno 2019 il FAI, fondo ambiente italiano, organizza aperture straordinarie di alcuni edifici di pregio in tutta Italia, permettendo al pubblico di scoprire dei tesori artistici che normalmente non sono visitabili: tra queste, alcuni appuntamenti sono a Venezia e Noventa di Piave. L'iniziativa si svolge sabato 12 e domenica 13 ottobre.

Giornate FAI a Venezia

I Giovani Ciceroni del FAI di Venezia si occuperanno delle seguenti aperture: la chiesa di San Lazzaro dei Mendicanti, con il "Cristo in croce, la Vergine e San Giovanni" di Paolo Veronese, "Sant'Elena in adorazione davanti alla Croce", unica opera di Guercino a Venezia, e "Sant'Orsola e le undicimila vergini", opera mirabile di Jacopo Tintoretto; palazzo Dolfin Manin, sede della Banca d’Italia, uno degli edifici più riconoscibili del Canal Grande, con il suo carattere spiccatamente neoclassico (ingresso su prenotazione riservato agli iscritti FAI); la Scuola Grande dell’Arciconfraternita di S. Maria del Carmelo, la cui sala del capitolo custodisce le nove tele del soffitto dipinte da Gianbattista Tiepolo tra il 1739 e il 1749. Nel corso delle due giornate saranno inoltre aperti i beni di proprietà del FAI: il Negozio Olivetti di piazza San Marco e Casa Bortoli (ingresso esclusivo su prenotazione per gli iscritti FAI).

FAI a Noventa di Piave

Il gruppo Fai Giovani di Portogruaro, invece, invita a scoprire Noventa di Piave: l’area archeologica, sito della vecchia chiesa di San Mauro, risalente all’XI secolo, sulla cui area è emerso un complesso romano, medievale e rinascimentale che fissa il processo insediativo locale fin dalle origini, databili I° secolo avanti Cristo; la chiesa e il campanile della chiesa arcipretale di San Mauro, uno tra i più alti del Veneto; Villa Lucatello, ora Camerin, eretta nella prima metà del 1600 dai nobili Molin, una delle famiglie più influenti della Serenissima; Villa Ca’ Zorzi e il suo splendido parco all’italiana con piante secolari; l’antico porto, ora parco fluviale, risalente alla fine del X secolo; da qui parte anche l’ottocentesco “tunnel”, sottopasso che, attraverso l’argine del Piave, collega il centro di Noventa con l’area golenale, molto amato dallo scrittore Goffredo Parise; Villa Da Mula, ora Bonotto; il centro didattico naturalistico “Il pendolino”, museo-laboratorio per la didattica delle scienze naturali e la divulgazione della cultura ecologica, da cui si dipana un “sentiero natura” di circa due chilometri lungo il Piave.

Per informazioni: www.giornatefai.it; www.fondoambiente.it; tel. 02 467615399

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Diciotto chili di marijuana nell'officina, «titolare» in manette

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

Torna su
VeneziaToday è in caricamento