Venticinque anni di attività in carcere, la cooperativa festeggia "Al femminile"

È il libro di Rio Terà dei Pensieri, che sarà presentato giovedì al Fondaco dei Tedeschi, per celebrare l'impegno lavorativo, formativo e sociale alla casa di reclusione della Giudecca

Carcere femminile Giudecca, archivio

Rio Terà dei Pensieri festeggia venticinque anni. È la cooperativa, costituita nel 1994, che svolge attività lavorative, formative e sociali, nella casa di reclusione femminile della Giudecca, per offrire un’alternativa alla cella, in un’ottica di risocializzazione, attingendo alle risorse del volontariato. L'anniversario verrà celebrato con la presentazione del libro Al femminile, giovedì 10 ottobre all’Event Pavilion del Fondaco dei Tedeschi alle 19. Lo presenteranno gli autori e promotori: Liri Longo, presidente della cooperativa Rio Terà dei Pensieri, Ivan Carlot, analista filosofo, counselor e formatore, Giorgio Bombieri, fotografo e Bali Lawal, modella. 

Il nuovo progetto

Un testo nato e realizzato per valorizzare il percorso della cooperativa nella casa di reclusione femminile veneziana. I ricavi della vendita finanzieranno un nuovo progetto rivolto alla cura della bellezza interiore: un centro d’ascolto per detenuti e detenute, ed ex detenuti e detenute, in memoria di Raffaele Levorato, fondatore della cooperativa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il lavoro e la produzione

L'attività di Rio Terà dei Pensieri si è sviluppata attorno a due fulcri principali, la formazione professionale e il lavoro, considerati gli strumenti principali per avviare percorsi di responsabilizzazione e inclusione sociale. I detenuti e le detenute, anch’essi soci lavoratori della cooperativa, coadiuvati da docenti, collaboratori e volontari, producono articoli serigrafati, borse e accessori in Pvc riciclato, creano linee di cosmetici e coltivano ortaggi biologici. Il loro lavoro viene commercializzato sia attraverso la vendita al dettaglio che tramite commissioni pubbliche e private.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Tagli capelli autunno 2020: tutte le tendenze per corti, medi e lunghi

  • Stivale sul parapetto di Scala Contarini del Bovolo: polemica sul post della Ferragni

  • Camerieri pestano un collega in pizzeria, poi gli lanciano contro coltelli

  • Fiori d'arancio in casa Panatta: Adriano sposa la sua Anna a Venezia

  • Incidente tra mezzi pesanti in A4, due persone ferite

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento