“Parco Ponci, percorso storico - mostra fotografica - docu-film”

Si terrà sabato 22 novembre, a partire dalle ore 15, nella sala ovale della scuola primaria Tiziano Vecellio di Mestre, l'inaugurazione della mostra “Parco Ponci, percorso storico - mostra fotografica - docu-film”, presentata questa mattina con una conferenza stampa alla quale sono intervenuti, tra gli altri, il presidente della Municipalità di Mestre Carpenedo, Massimo Venturini, i delegati Luciano Zennaro, Antonino Marra e Chiara Puppini, il dirigente scolastico Davide Frisoli, Andrea Sperandio del gruppo culturale Mestre Mia (Mestre Immagini Antiche), Roberto Stevanato del Centro studi storici Mestre. Il progetto, ideato da Mestre Mia, con la collaborazione e il patrocinio della Municipalità, ha l'obiettivo di far conoscere ai mestrini com'era una parte della loro città, Parco Ponci appunto, di cui oggi non rimane nessuna traccia visibile. Il gruppo culturale infatti ha allestito alla scuola Vecellio una mostra, che rimarrà aperta fino al 13 dicembre, dove sono raccolte fotografie del parco e di Mestre, prima che venisse completamente cementificato negli anni '50, oltre a documenti e schede informative sulla storia dell'area.

    “Alla fine del '700 – spiega Sperandio – Carlo Goldoni descriveva Mestre come una piccola Versailles, luogo ideale e apprezzato per la villeggiatura. In questo contesto si inseriva una delle aree verdi più belle di Mestre fino al primo dopoguerra, Parco Ponci: tre ettari di alberi secolari ad alto fusto compresi tra via San Girolamo e via Colombo. Al suo interno c'erano un laghetto e uno chalet in legno e pietra. La giunta comunale di Gianquinto Giobatta si mosse per acquistare dagli eredi del noto farmacista Ferdinando Ponci la proprietà, ma l'offerta fu rifiutata perché ritenuta troppo esigua. Nel 1949 il geometra Ugo Argenta, nominato amministratore unico dei beni della famiglia Ponci, diede inizio ad una truffa, raggirando gli stessi eredi: rese edificabile l'area, vendette sulla carta villette mai costruite e realizzò ulteriori guadagni con l'abbattimento degli alberi del parco e la vendita del legname. Successivamente il Comune si accordò con i Ponci e ne seguì la totale cementificazione del parco”.

    Il gruppo Mestre Mia ha voluto arricchire la mostra con disegni e fumetti realizzati appositamente per questo progetto dagli alunni della scuola Vecellio, che sorge proprio al centro dell'area dove c'era il parco. Inoltre sabato pomeriggio sarà possibile anche vedere il filmato, della durata di trenta minuti, che narra le vicende di Parco Ponci e della storia di Mestre. “Parco Ponci è l'emblema del 'sacco di Mestre' – ha dichiarato il presidente Venturini – e di come questa città sia stata razziata anche a causa di scelte politiche e amministrative sbagliate. Oggi dobbiamo avere maggiore consapevolezza delle potenzialità del nostro territorio e ricordarci che, anche se non siamo stati noi a compiere determinate azioni, ne siamo comunque responsabili e, in quanto amministratori, abbiamo il dovere di porre rimedio agli errori del passato”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Mostra fotografica "Il viaggio", tempo spezzato

    • dal 27 febbraio al 27 aprile 2021
    • Bacaro dei Storti

I più visti

  • Notre Dame de Paris sbarca a Jesolo: date rinviate a maggio 2021

    • dal 7 al 9 maggio 2021
    • PalaInvent
  • Mostra fotografica "Il viaggio", tempo spezzato

    • dal 27 febbraio al 27 aprile 2021
    • Bacaro dei Storti
  • Il concerto di Tommaso Paradiso a Jesolo slitta al 2021

    • 18 aprile 2021
    • PalaInvent
  • Un weekend Strabiologico: prodotti biologici e artigianato in Villa Loredan

    • Gratis
    • dal 23 al 25 aprile 2021
    • Villa Loredan
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    VeneziaToday è in caricamento