Giovedì, 13 Maggio 2021
Mostre Castello

Gassman e Totò, Dustin Hoffman e Audrey Hepburn: tutti i "divi poliziotti" in mostra

Presentato "La polizia nel cinema italiano", evento collegato a Venezia 74. Esposizione di veicoli storici all'Arsenale, sabato inaugurazione col capo Gabrielli: "Appuntamento unico"

Un evento presentato come trait d'union tra la polizia di Stato e il cinema e che celebra l'incontro (anzi, i molteplici incontri) tra la "divisa" e la settima arte. Sarà in scena all'Arsenale di Venezia dal 9 al 12 settembre, in coincidenza con la Mostra del Cinema di cui è evento collaterale. «Appuntamento unico e probabilmente irripetibile - è stato detto in conferenza stampa dal questore Danilo Gagliardi - perché queste cose si possono fare solo una volta». I protagonisti sono divi del grande schermo che hanno indossato l'uniforme sul set, nomi sia italiani che stranieri.

Si chiama "La polizia nel cinema italiano - retrospettiva cinefotografica", inaugurazione sabato alle 11 con il capo della polizia Franco Gabrielli. Poi quattro giorni di apertura con ingresso gratuito dalle 10 alle 18. Una chicca per gli appassionati, con divise e mezzi storici (19 autovetture, 3 motociclette e 20 uniformi) e una saletta per le proiezioni di 18 film. Sullo schermo, tra gli altri, Vittorio Gassman, che vinse il Leone d'oro alla carriera. Con lui Ugo Tognazzi (insieme hanno interpretato due poliziotti ne "I mostri"), presente pure nei panni del commissario Ambrosio; e poi Dustin Hoffman, Gregory Peck e Audrey Hepburn. Totò sarà nello spezzone "Guardie e Ladri" e nelle fotografie con Fabrizi. Oltre a un altro spezzone con Totò e Carolina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ci sarà Alberto Sordi in "Nestore, l'ultima corsa". Poi "La Meglio Gioventù" e Aldo, Giovanni e Giacomo. Non mancano lavori relativi a momenti più controversi della storia della polizia, come "Diaz" e "Acab": «Non abbiamo paura di nulla», sottolinea Gagliardi, che aggiunge: «La retrospettiva parte dagli anni Cinquanta e si conclude nei giorni nostri. Vedrete le macchine e le divise immortalate nei film. Ci sarà la Jeep di Totò, per fare un esempio. Le macchine della polizia, che dopo la guerra erano rosse. Ci sarà un'esposizione di Giuliette di color rosso (anni 50), verde (60) e bicolore (70).

«Ci sono state persone che hanno subto condiviso l'idea - ha aggiunto Gagliardi - prima tra tutti il sindaco Luigi Brugnaro, che si è subito prodigato e sarà presente sabato all'inaugurazione. Un ringraziamento va anche alle realtà imprenditoriali di alto livello che hanno voluto affiancarci in questa esperienza: l'Harry's Bar, la Grafica Veneta e altri ancora. Importante il contributo del museo storico della polizia di Roma La sorpresa sarà il finale di questa manifestazione: c'è una fornace di Murano, conosciuta in tutto il mondo, che ha voluto dedicare a questa giornata una creazione in vetro che fonde in un unico oggetto i tre elementi polizia, Venezia e cinema».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gassman e Totò, Dustin Hoffman e Audrey Hepburn: tutti i "divi poliziotti" in mostra

VeneziaToday è in caricamento