menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

San Giuliano, progetto per ospitare grandi eventi. "Rolling Stones? Ce li ha soffiati Lucca"

Nelle prossime settimane sarà presentato in Consiglio un progetto di riqualificazione. Intanto la musica riparte da Piazza Ferretto, ideale apripista per il rilancio musicale di Venezia

La musica a Venezia riparte da Piazza Ferretto, il salotto buono della città. Ma il grande sogno, mai celato, è quello di far rinascere il Parco San Giuliano come luogo idoneo ad ospitare grosse manifestazioni musicali, sulla scorta dell’Home Festival a Treviso o del recente Firenze Rocks nel capoluogo toscano. Ma "di acqua sotto i ponti" ne dovrà passare ancora parecchia, prima di poter ritrovare nella terraferma veneziana la musica che conta. Quanto meno un anno intero.

Il cuore di Mestre potrebbe fungere da apripista per il rilancio della musica, con Red Ronnie ed il suo Roxy bar che faranno tappa nel fine settimana in centro storico con una 3 giorni dedicata in particolar modo ai giovani emergenti (ma con qualche artista già noto). Oltre alle nuove leve, trascurate nei tempi moderni, e gettate nel calderone in maniera frettolosa, la città ha però bisogno di nomi importanti. “Con i Rolling Stones abbiamo avuto un contatto - ha spiegato giovedì il sindaco Luigi Brugnaro a margine della presentazione dell’evento - ma c’è stata una richiesta fuori budget, soldi che il Comune non ha. E così ce li ha soffiati l’amministrazione comunale di Lucca”.

Ma nonostante ci sia stato un tentativo concreto, San Giuliano non sarebbe stato pronto ad ospitare un evento di così grande portata, con decine di migliaia di persone che si sarebbero riversate a Venezia. Per il parco, infatti, ci vogliono degli investimenti, per riportarlo in auge e poterne sfruttare le enormi potenzialità. “È pronto un disegno che presenteremo e andrà in poche settimane in Consiglio comunale. Ristruttureremo il canile, che rimarrà dove si trova, e poi creeremo una grande zona per installare i grandi palchi. Faremo in modo che chi dovrà organizzare gli eventi possa trovare una struttura di base, sulla quale sarà poi semplice montare i super palchi. Gli organizzatori chiedono facilità nel montaggio e nell'organizzazione e distribuzione degli spazi, e noi abbiamo in mente un progetto adeguato”.

Non solo la zona da attrezzare per il montaggio del palco, ma anche la necessità di mettere mano alle recinzioni e alle cavane. Per questo il primo cittadino si augura di avere quanto prima un incontro con le società remiere di San Giuliano, per capire anche le loro reali intenzioni in questo senso. C’è comunque la fiducia di poter fare qualcosa di grande già dall’anno prossimo: “Quest’anno non si potrà far nulla - ha precisato il primo cittadino - ma dall’anno prossimo confidiamo di poter regalare alla città eventi molto importanti. Nel frattempo il rilancio della musica in città ripartirà da Piazza Ferretto, prima con il Roxy Bar, poi con un altro evento in via di definizione che animerà il centro storico nel corso dell’estate”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Veneto ancora in zona arancione, Confcommercio: «Siamo sconcertati»

Mestre

Avviata la riqualificazione di piazzale Cialdini con il nuovo ponte sull'Osellino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Quali sono regole e restrizioni in Veneto per questa settimana

  • Cronaca

    Fuga di gas, ricerche dei vigili del fuoco su un chilometro di rete

  • Cronaca

    Coronavirus, bollettino serale: i numeri in Veneto e provincia di Venezia

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Marchio Igp per il vetro di Murano e il merletto di Burano

  • Cronaca

    Sport e attività motoria, cosa si può fare in Veneto: le Faq del Governo

  • Cronaca

    Ufficiali i nuovi colori: il Veneto resta arancione

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento