menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Mimo Meidany

Foto Mimo Meidany

Una notte di spettacolo e tradizione: in laguna in migliaia per i "foghi" VD

Sabato sera i fuochi d'artificio hanno incantato decine di migliaia di visitatori tra Venezia e la terraferma. Allerta sicurezza, controlli a piazzale Roma, corse straordinarie Actv

E' stato il Redentore della tradizione e della commozione per le vittime del terrorismo e della Puglia. Non solo festa, ma anche riflessione per le troppe tragedie che stanno interessando le cronache negli ultimi tempi. Pienone a Venezia per la festa per antonomasia in laguna: autobus e treni colmi di turisti e di visitatori provenienti dalla terraferma. Tra misure di sicurezza massime, soprattutto in piazza San Marco, riva degli Schiavoni, piazzale Roma e sul ponte votivo. Senza disdegnare il "Redentore diffuso".  Spettacoli pirotecnici anche Malcontenta, Asseggiano, Favaro Veneto, parco San Giuliano, Pellestrina. Poi alle 23.30 il "clou" dei "foghi", con un minuto di silenzio subito dopo l'inizio dello spettacolo pirotecnico con ripresa all'insegna del tricolore (per ricordare le vittime dell'incidente del treno in Puglia) e della bandiera francese, per non dimenticare i fatti di Nizza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si è iniziato alle 19, con l'apertura del ponte votivo che collega le Zattere con la chiesa del Redentore all’isola della Giudecca (PONTE VOTIVO, I DETTAGLI) e la presentazione degli equipaggi delle regate di voga alla veneta (la gara è invece prevista per il giorno successivo, dalle 16, nel canale della Giudecca). Dalle 23.30, per 40 minuti, il cielo sul bacino di San Marco è illuminato dai fuochi d'artificio. Uno spettacolo da lasciare incantati, per cui sono impegnati 6 pontoni, 25 postazioni galleggianti, oltre 3mila chili di esplosivi, più di 30mila artifici. Tra le performance più attese c'è quella di Paolo Zanarella, il "pianista fuori posto", che torna ad esibirsi "nell'isola che non c'è".

Il servizio per la sicurezza ha dovuto far fronte alla massiccia presenza di visitatori in laguna, decine di migliaia di persone. Sono stati disposti dei prefiltraggi a piazzale Roma per controlli mirati a veicoli e persone. Impiegati 50 volontari della protezione civile, 120 agenti della polizia municipale, 6 unità navali e 30 addetti della capitaneria di porto, 60 operatori della croce verde tra medici, infermieri e volontari, 3 idroambulanze, 2 ambulanze, 2 punti medici avanzati agli imbarcaderi di San Marco Giardinetti e Zitelle Ponente e 2 ambulanze al Lido. Il lungo weekend di festa si conclude domenica 17 luglio, alle 19, con il momento più intenso e spirituale: la Santa Messa votiva celebrata dal patriarca di Venezia, alla chiesa del Redentore alla Giudecca.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento