Solitudine in pellicola

L'Associazione di promozione sociale Metabolé sta portando avanti una ricerca sul tema della solitudine da più di tre anni. In un primo momento ne è stato indagato il senso da varie angolature: abbandono, reclusione, eremitaggio, esclusione… condividendo le idee tra soci. Ne è venuto fuori il duplice aspetto della solitudine: positiva, se ricercata, o negativa, se imposta. La particolare dinamica dell’emergenza Covid-19 ha cambiato irrimediabilmente molte abitudini date per consolidate, trasformando anche la  percezione del mondo. Termini come “lockdown”, “quarantena”, “isolamento”, diffusi ogni ora dai media, hanno acuito la dimensione della solitudine, portando Metabolé a riflettere ancora una volta sulla solitudine. L’associazione sente quindi la necessità di “portare” all’esterno la riflessione intrapresa per affrontare con più consapevolezza questo sentimento ormai ampiamente diffuso.

Il cinema, più di ogni altra arte, è strumento d’indagine, di scoperta e di stupore. Più della musica e della poesia, la cinepresa diventa il terzo occhio con cui raggiungere l’anima. Ma il regista come esprime la solitudine? C’è un rapporto tra tecnica cinematografica e solitudine? Quali sono i film davvero segnanti sul tema?

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Art's Connection 2020, torna il festival del vetro di Murano: programma

    • Gratis
    • dal 12 luglio al 31 dicembre 2020
    • Museo del vetro
  • Human Virus: a Palazzo Zaguri la mostra che indaga le epidemie della storia

    • dal 1 settembre al 31 dicembre 2020
    • Palazzo Zaguri
  • Antonello Venditti in concerto a Jesolo: rinviato al 19 dicembre

    • 19 dicembre 2020
    • PalaInvent
  • Visite speciali, percorsi inediti

    • dal 19 settembre al 19 dicembre 2020
    • FAI - NEGOZIO OLIVETTI
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    VeneziaToday è in caricamento