Domenica, 16 Maggio 2021
Teatro

Il Teatro Stabile sceglie il nuovo direttore artistico Massimo Ongaro

Chiusa l'esperienza degli anni passati con Alessandro Gassmann si apre un nuovo capitolo per una delle realtà culturali più importanti del Veneto

Massimo Ongaro

Il Consiglio di amministrazione ha nominato Massimo Ongaro direttore artistico del Teatro Stabile del Veneto. “Il Consiglio – ha affermato il presidente del teatro, Angelo Tabaro – ha preso visione dei curricula che sono pervenuti e, dopo un’ampia discussione, ha deciso di avvalersi della collaborazione di Massimo Ongaro che, per le esperienze e per profilo di relazioni internazionali, ci ha convinto e al quale il Consiglio assicura all’unanimità ogni collaborazione in vista di un compito certamente arduo al quale Ongaro viene chiamato, per ridare entusiasmo al movimento teatrale di tutta la Regione e in particolare delle città di Padova e Venezia”.

Nei prossimi giorni il Consiglio incontrerà Ongaro per discutere con lui del progetto di rilancio del Teatro Stabile, affinché ritorni ad essere per la città euganea e per il capoluogo lagunare un punto di riferimento, ringraziando fin da subito l'ex direttore artistico Alessandro Gassmann per il lavoro svolto. 

"È per me, senza alcuna retorica, un grande onore essere scelto - ha dichiarato Massimo Ongaro - In un momento di grande cambiamento dell’orizzonte teatrale italiano, sento profondamente la responsabilità di essere chiamato a dirigere lo Stabile nella fase delicata imposta dalla nuova normativa che sta entrando in vigore. Il legame con il territorio, la valorizzazione – anche a livello internazionale - della grande tradizione teatrale della nostra Regione, il rilancio pieno di due realtà importanti come il Verdi di Padova e il Goldoni di Venezia, ciascuna nelle sue specificità, saranno gli obiettivi fondamentali su cui mi orienterò nel mio lavoro".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Teatro Stabile sceglie il nuovo direttore artistico Massimo Ongaro

VeneziaToday è in caricamento