Cento anni in prima fila, il Toniolo festeggia assieme a tutti i cittadini

Il teatro di Mestre celebra il suo centenario sabato 26 ottobre. Per l'occasione saranno tanti gli eventi programmati e i protagonisti in scena

Cento anni fa nasceva il Teatro Toniolo e, con esso, la scommessa ambiziosa di un edificio-simbolo, segnaposto di storia futura attorno a cui riunire simbolicamente la comunità di terraferma, nel solco di un’identità cittadina tutta in costruzione. La storia del teatro è, in questo senso, intrecciata fin dalle sue origini a quella di Mestre. Festeggiarne il centenario significa narrare le vicissitudini di un secolo cruciale quale il Novecento, le trasformazioni di gusti, i mutamenti dell’identità di una comunità di fronte ai tumultuosi sconvolgimenti degli equilibri locali e di un’epoca.

GLI APPUNTAMENTI - Fra le varie iniziative promosse per la celebrazione dell’evento, accanto all’atteso appuntamento di teatro musicale curato da Marco Paolini e Mario Brunello in cartellone a dicembre, un programma speciale, aperto a tutta la cittadinanza, prevede nella mattinata di sabato 26 ottobre, dalle 11 alle 12.30, un’apertura straordinaria per entrare nel suggestivo mondo del dietro le quinte e assistere alle prove generali dello spettacolo serale che si preannuncia un vero e proprio viaggio nel tempo. In serata, alle ore 18, alla presenza delle autorità locali e di personalità della cultura, attori, ballerini e musicisti daranno il via ad una kermesse itinerante di “episodi artistici”, diretti dal regista Giancarlo Marinelli, a partire dalla piazzetta antistante l’ingresso del teatro, per muoversi attraverso il foyer e giungere in Sala dove un allestimento multimediale, curato da Francesco Lopergolo, restituisce le voci e i volti del teatro alla dimensione quotidiana della storia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I PROTAGONISTI - Sul palco, nelle vesti di un insolito narratore-presentatore, l’attore Andrea Pennacchi introduce gli interventi e i tributi degli Amici del Teatro, come gli attori comici veneziani Carlo & Giorgio. Tra le varie performance, l’esecuzione di alcuni brani tratti dal Rigoletto di Verdi, l’opera che esattamente 100 anni fa inaugurava il teatro e ora riproposta dai giovani musicisti accompagnati al pianoforte dal maestro Stefano Gibellato, nel segno di una continuità ideale e quale tributo al rinnovamento delle generazioni. A fine serata, un’assoluta première, l’accensione della nuova illuminazione della facciata dell’edificio, realizzata grazie alla sponsorizzazione di Veritas Energia. Nel corso della giornata verrà distribuita una pubblicazione realizzata per l’occasione dall’assessorato, con la quale si ripercorrono le tappe fondamentali di una lunga storia, fra testimonianze d’epoca e i ricordi dei suoi protagonisti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Crescono i casi di coronavirus, i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Vishing, la truffa che "svuota" il conto corrente: tre denunce

  • Coppia di turisti aggredita e picchiata da una baby gang a Campo Santa Margherita

  • Un festival del cicchetto a Mestre: «Tradizione gastronomica, offerta turistica di qualità»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento