Vita e amore di donna. Sul palco Angelika Kirschschlager e James Scherlock

Concerto del Festival internazionale di Musica di Portogruaro. La serata sarà dedicato a Olga Petrin, colonna storica del FAI del Triveneto che molto ha fatto per Portogruaro

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

Riceviamo e pubblichiamo:

"“Giano mi attende e Dio soltanto sa quanto ho bisogno di tornare da lui. A voi tutti il mio ultimo sorriso”. Queste le ultime parole di Olga Petrin scomparsa nell’aprile 2017. Con l'aiuto prezioso e insostituibile del marito Giano Petrin ha dedicato gran parte della sua vita al FAI del Triveneto, di cui è stata colonna portante. La sua generosità ha toccato anche la Fondazione Musicale Santa Cecilia e il Festival di Portogruaro che, per ricordare la sua straordinaria personalità e il suo grande amore per la città e la cultura, le vuole dedicare il concerto "Vita e amore di Donna” di martedì 22 agosto (ore 21 al Teatro Russolo di Portogruaro), inserito nella programmazione del Festival internazionale di musica. Una scelta non casuale: infatti i testi degli otto Lieder di Schumann “Vita e amore di donna”, brevi, di afflato sentimentale molto intenso e quasi ingenuo, sono il diario della vita di una fanciulla e la vedono innamorata, fidanzata, sposa felice e infine vedova addolorata che tuttavia stempera la propria sofferenza nel ricordo della perfetta unione con l'amato. Sul palco Angelika Kirschschlager, mezzosoprano, una delle più importanti interpreti di canto da camera dei nostri giorni, insieme a James Sherlock, pianista e direttore d'orchestra inglese/irlandese. Una serata che guarda alle influenze tra musica e poesia con la grande liederistica romantica con un confronto, in ordine non cronologico, tra le più significative personalità musicali che si dedicarono a questo genere: oltre al già citato Schumann, Johannes Brahms e Franz Schubert. Nei Lieder proposti, scritti sulle poesie dei lirici tedeschi all’epoca più ammirati Eduard Mörike, Wolfgang von Goethe, Joseph von Eichendorff, Heinrich Heine, Gottfried Keller solo per citarne alcuni, sono trattati argomenti poetici prettamente romantici: il tema della natura, così sentito soprattutto in Schubert, dell'amore, della morte e le trasfigurazioni simboliche presenti nelle trame narrative delle ballate. La Kirschschlager, “cherubino nato a Salisburgo” (la sua registrazione delle Nozze di Figaro nel ruolo di Cherubino gli è valsa il Grammy Award 2004 e l’ECHO Music Award 2005), ha una carriera internazionale che la vede dividersi tra recital e opera in tutto il mondo. Un’occasione per immergersi in una musica di raro ascolto, per una serata di grande emozione. Alle ore 20.30 gli Aperitivi del Festival nel Foyer della Magnolia".

Torna su
VeneziaToday è in caricamento