Oltre 5.000 volumi di architettura donati all'università Iuav: è il fondo Vittorio Gregotti

Una selezione di libri sulla materia insegnata dal docente di composizione architettonica entrati a far parte della biblioteca dell'università veneziana

L’università Iuav di Venezia ha ricevuto in donazione il fondo bibliografico Vittorio Gregotti, una selezione di libri di architettura, manoscritti, dattiloscritti annotati e fotografie che rappresentano un unicum dell’attività di studio e ricerca del prof. Gregotti, docente di composizione architettonica a Venezia e scomparso lo scorso marzo. La donazione del Fondo bibliografico, testimonianza del profondo legame che ha unito Gregotti alla sua Scuola, è un contributo particolarmente prezioso al patrimonio della Biblioteca Iuav, uno dei più importanti in Italia e in Europa per le discipline dell’architettura, della pianificazione, del design, delle arti e della moda, a disposizione di studenti, ricercatori e studiosi italiani e internazionali.

La composizione del fondo 

Il materiale selezionato che compone il fondo bibliografico include 5.833 volumi e 46 faldoni ed è suddiviso in quattro insiemi principali, accuratamente scelti, descritti, rappresentati e fotografati a cura del prof. Guido Morpurgo, che Vittorio Gregotti aveva personalmente incaricato di sovrintendere operativamente alla donazione. Si tratta di libri appartenuti a Gregotti e da lui annotati, di dattiloscritti e manoscritti inediti che hanno significato rilevantissimo in termini di ricerca scientifica. Il fondo bibliografico Vittorio Gregotti troverà collocazione ai Tolentini, in Sala Scarpa che diverrà anche lo spazio dedicato alla sua consultazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ca' Foscari è il 4° ateneo in Europa al pari di Cambridge, vinte 30 borse di studio Marie Curie

  • Pubblicato un bando per tre premi di laurea nel campo dell’ingegneria per un totale di 4.500 euro

  • Formazione e teatro: lo Stabile del Veneto lancia un laboratorio sulla maschera femminile

  • La mostra "Oggetti migranti" è tra i vincitori del Label Europeo delle Lingue 2020

Torna su
VeneziaToday è in caricamento