menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sinistra Matteo Mori Supply Director Reckitt Benckiser Italia; Nicola De Sanctis AD di E.ON Italia, Alvise Maniero Sindaco di Mira, Alberto Radice CEO E.ON Connecting Energies Italy

Da sinistra Matteo Mori Supply Director Reckitt Benckiser Italia; Nicola De Sanctis AD di E.ON Italia, Alvise Maniero Sindaco di Mira, Alberto Radice CEO E.ON Connecting Energies Italy

Il progresso "verde" entra di prepotenza, impianto moderno alla Reckitt Benckiser

Il macchinario sarà in grado di ridurre i costi energetici dello stabilimento di Mira del 20% e le emissioni annue di CO2 di 4.300 tonnellate

E.ON e Reckitt Benckiser rafforzano la loro partnership raggiungendo un nuovo traguardo nell’efficienza energetica e nella sostenibilità ambientale. Giovedì mattina a Mira (presente anche il sindaco Alvise Maniero) è stato inaugurato il nuovo impianto di cogenerazione di energia elettrica e calore che E.ON ha progettato e realizzato nello stabilimento Reckitt Benckiser di Mira. L’impianto è frutto di una cooperazione tra le due aziende, finalizzata al miglioramento dell’impatto ambientale, grazie a una maggiore efficienza e ottimizzazione dei consumi energetici. La nuova soluzione è stata studiata per sostituire il precedente impianto a gas da 7,5 MW. La nuova centrale, dalla potenza di 1,5 MW, è stata realizzata in tempi record: meno di sei mesi dall’avvio della progettazione alla messa in funzione.

L'impianto di cogenerazione garantisce la produzione combinata di energia elettrica e calore direttamente nel sito produttivo di Mira e consentirà a Reckitt Benckiser di ridurre del 20% circa i costi energetici annui dello stabilimento e le emissioni di CO2 di 4.300 tonnellate l’anno. E.ON Connecting Energies si occupa anche della gestione della centrale cogenerativa di Mira, che ogni anno produrrà 13 GWh di energia elettrica e 12 GWh di calore per i processi produttivi dello stabilimento. Per garantire un funzionamento che sia affidabile, flessibile e produttivo l’impianto è connesso al Remote Control Centre di E.ON Connecting Energies di Amburgo, che assicura un monitoraggio 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Oltre ad assumersi direttamente l’investimento necessario, la gestione e la manutenzione dell’impianto, E.ON garantirà la fornitura di energia elettrica a Reckitt Benckiser che ha siglato con l’operatore un accordo di acquisto ad hoc.
 
Nicola De Sanctis, amministratore delegato di E.ON Italia ha dichiarato: “La partnership di successo con Reckitt Benckiser è un esempio concreto del posizionamento di E.ON oggi in Italia e rafforza la nostra presenza nel mercato elettrico italiano: vogliamo essere un punto di riferimento per i consumatori nel sviluppare servizi e soluzioni energetiche innovative e sostenibili, ambito in cui vogliamo sempre più recitare un ruolo da protagonisti”.

Alberto Radice, Country Head of Italy di E.ON Connecting Energies Italia ha aggiunto: “L’inaugurazione odierna è per noi un traguardo doppiamente significativo. Da un lato infatti conferma il successo del nostro approccio finalizzato al consolidamento di partnership con i clienti basate sulla fiducia e sull’ascolto reciproco; dall’altro rappresenta un passo avanti nel percorso di crescita di E.ON Connecting Energies in Italia, che consideriamo un mercato chiave per il nostro sviluppo. Il nostro know how tecnologico e la nostra expertise nelle relazioni con i clienti ci rendono un partner affidabile nell’implementazione di soluzioni efficienti in grado di fare risparmiare le imprese, contribuendo a rafforzarne la competitività e a ridurne l’impatto sull’ambiente”.

Matteo Mori, Supply Director di Reckitt Benckiser ha commentato: “L’investimento della nuova centrale di cogenerazione in partnership con E.ON, si inserisce in una Vision 2020 molto ambiziosa per RB che riguarda due ambiti specifici del nostro business: la competitività industriale e la sostenibilità ambientale. Due principi fondamentali che regolano il nostro modo di fare impresa in maniera sempre più efficiente. I risultati incoraggianti che lo stabilimento di Mira sta portando in questi frangenti, confermano la volontà da parte dell’Azienda di continuare anche in futuro a perseguire ‘Efficienza’ in tutti i processi che la riguardano. Siamo certi che tutto questo sia possibile anche grazie alla consapevolezza ed alla collaborazione di tutti i lavoratori”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Veneto ancora in zona arancione, Confcommercio: «Siamo sconcertati»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento