menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il bike sharing ancora saccheggiato? "Niente bici disponibili, tutto come prima"

Mercoledì trovare un velocipede a Mestre era un'impresa: "Quelle che ci sono sono distrutte", dice un pendolare. Nelle altre città invece è diverso

"Da ormai un mese è praticamente impossibile trovare una bicicletta del Comune". Che fine hanno fatto? A parlare è M.C., un utente "affezionato" del servizio (per giunta pendolare) che lamenta una certa difficoltà nel potersi muovere su pedali a Mestre. Due le alternative: o siamo al cospetto di un successo clamoroso del servizio dopo lo stop di qualche mese per troppe razzie, o i velocipedi sono spariti di nuovo. In attesa di essere rimpiazzati.

Basta un controllino online per avere sott'occhio la situazione, e mercoledì mattina lo zero nella casellina delle bici libere ricorreva molte (forse troppe) volte. Soprattutto nel momento in cui in altre città paragonabili come Genova e Bergamo, dove lo stesso servizio è attivo, una tale difficoltà nel reperire biciclette non c'è. Negli stessi minuti tutte le stazioni attive nella città lombarda o nel capoluogo ligure avevano qualche velocipede a disposizione, senza essere mai sguarnite del tutto: stazione "Matitone", 6 bici libere e 3 posti disponibili; piazza De Ferrari 4 bici libere e 6 posti disponibili; piazza Verdi 3 bici libere e 15 posti disponibili. Sembra tutta un'altra storia a Genova. Dunque il punto di domanda rimane, ma il sospetto di M.C. è che le bici mestrine manchino all'appello perché non torneranno più. E dovranno arrivarne altre: "Quelle rimaste sono spesso devastate - dichiara M.C. - ogni giorno è una lotteria. La situazione è la stessa di aprile".

Così mercoledì mattina alle 11 su 147 posti disponibili a Mestre (stando ai dati online) gli utenti avevano la bellezza di 12 biciclette pronte per l'utilizzo. Di queste 12 poi serve capire quali siano in condizioni sufficienti per girare per la città. Sono 16 le stazioni attive, quindi la media è di meno di un velocipede a rastrelliera. La situazione peggiore in zona stazione: "Ogni giorno verso le 7.30 ce n'è sempre al massimo una a disposizione, poco più - sottolinea M.C. - alle 18 ce ne sono 3 o 4. Nel pomeriggio il numero di mezzi a disposizione dovrebbe aumentare, non è così". Dai dati invece risulterebbe che circa 120 persone girino per Mestre con le bici del Comune. Ma non è che invece se ne vedano molte per le strade.

Numeri radicalmente opposti non solo a città lontane ma anche alla realtà del Lido di Venezia, che alle 11 a Santa Maria Elisabetta aveva 5 bici libere su 3 disponibili e nella zona del Palazzo del Cinema sei bici libere su sei posti disponibili. En plein, anzi di più. Un risultato che per Mestre appare un miraggio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Assegno unico figli 250 euro al mese: come ottenerlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento