menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Venezia, il vaporetto a emissioni zero pronto in autunno: andrà a idrogeno

Via libera della Regione alla realizzazione del progetto: sarà costruito sul modello delle imbarcazioni Alilaguna, potrà trasportare circa 40 passeggeri

Un’imbarcazione a emissioni zero e totalmente silenziosa: semaforo verde per il vaporetto a idrogeno, che già dall’autunno potrebbe solcare la laguna veneziana. È passata la delibera regionale che dà il via libera al progetto HEPIC - Hydrogen Electric Passenger Venice Boat - per la progettazione e realizzazione del nuovo mezzo nautico: un’imbarcazione per il trasporto di circa 40 passeggeri del tipo di quelle utilizzate per il servizio tra l’aeroporto e il centro storico di Venezia. Il natante sarà dotato di un motore elettrico alimentato da un sistema ibrido che comprenderà celle a combustibile a idrogeno e batterie tradizionali.

La realizzazione del primo esemplare è curata da un gruppo di imprese, Hydrogen Park Green Water Mobility, che ha come capofila la veneziana Alilaguna e che comprende il cantiere nautico Vizianello e la start-up innovativa EconBoard. Il progetto beneficerà inoltre dell'apporto tecnologico di Enel Distribuzione, che realizzerà le infrastrutture per la movimentazione elettrica, e di Dolomitech, azienda trentina produttrice di autobus a idrogeno.

Con il progetto HEPIC, Hydrogen Park riprende le fila di quanto realizzato a partire dal varo dell’imbarcazione "Accadue", primo progetto di successo in Europa  per un’imbarcazione da diporto a propulsione a idrogeno. Da quel primo progetto si sono registrate aperture sul tema anche da parte della Commissione Europea, che ha emanato una direttiva sul tema della distribuzione di carburanti di origine non fossile.
 
Soddisfatta Michela Coletto, presidente di Hydrogen Park e responsabile Enel affari istituzionali Italia area nordest: «Crediamo nelle possibilità di sviluppo commerciale ed industriale delle tecnologie legate all’idrogeno. Le manifestazioni veneziane collegate all’Expo potranno garantire una visibilità internazionale al lavoro delle nostre aziende: ora chiediamo anche alla pubblica amministrazione di fare la sua parte, adeguando la normativa sull’uso dell’idrogeno nel trasporto acqueo».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento