Modulistica DIA: quando e come presentare la domanda

Tutte le indicazioni per la modulistica da compilare e la trafila burocratica per poter avviare un restauro o dei lavori di costruzione nel comune lagunare

La Denuncia di Inizio Attività (Dia) è un atto amministrativo della pubblica amministrazione, nel mondo dell'edilizia nasce, con la legge n.47/85 che, all'art.26 con il nome "opere interne", a servizio di chiunque intendesse compiere opere interne a fabbricati che non fossero in difformità degli strumenti urbanistici vigenti a presentare una "relazione a firma di un professionista abilitato (per esempio Ingegnere, Perito Agrario, Agronomo, Architetto, geometra o perito edile iscritto al relativo albo professionale) [...] che asseveri le opere da compiersi [...]".

In seguito, la Dia è diventata uno strumento estremamente potente, che è servito alla Pubblica Amministrazione (in larga parte, gli uffici Tecnici dei Comuni) per agevolare e snellire il procedimento relativo a pratiche edilizie, di minor peso urbanistico, sull'attività edilizia che si svolgeva sul proprio territorio. Con una Dia, infatti, si poteva ristrutturare il proprio appartamento, effettuare opere di manutenzione ordinaria o straordinaria sul proprio immobile e persino costruire nuovi edifici, qualora fosse presente un piano particolareggiato, ovvero in caso di demolizione e ricostruzione "fedele". La Dia è ancora oggi regolamentata nel Testo Unico dell'Edilizia, racchiuso nel D.P.R. 380/2001 che, all'art. 22 e 23 ne descrive il potere e i limiti.

La D.I.A. è stata introdotta con il fine di rendere più semplici le pratiche burocratiche per la realizzazione di interventi edilizi. Si tratta di uno strumento amministrativo molto utilizzato, almeno fino a luglio 2010, quando sono state introdotte procedure ancora più snelle come la S.c.i.a. (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) e la C.i.l. (Comunicazione Inizio Lavori).

A cosa serve la DIA

Si tratta di una procedura nata per la realizzazione di opere interne ma è stata in seguito ampliata a tutti gli interventi previsti dall’art. 6 del Testo Unico dell'edilizia. Attraverso la D.I.A  era possibile ristrutturare il proprio appartamento o effettuare manutenzione ordinaria o straordinaria sul proprio immobile, ma con il Decreto 133/14 la Segnalazione certificata di inizio delle attività ha preso a tutti gli effetti il suo posto. Le opere che era possibile realizzare presentando la D.I.A. e che oggi sono di competenza della S.C.I.A o C.I.L. sono:

  • la manutenzione straordinaria
  • il restauro e il risanamento conservativo
  • la ristrutturazione
  • aree adibite alle attività sportive senza la realizzazione di volumi (come, per esempio, un campetto senza spogliato o i servizi igienici)
  • interventi che riguardano la demolizione e la ricostruzione di un edificio con la medesima sagoma e volume

Quando va presentata la D.I.A.

La Denuncia di Inizio Attività va presentata quando l’opera è soggetta a vincoli dovuti a motivi paesaggistici e culturali e quando vi è un cambiamento della struttura dell’immobile. Gli interventi che restano soggetti alla D.I.A., quindi, sono quelli in cui è richiesto il pagamento di oneri concessori e si utilizza la D.I.A. come procedura alternativa al Permesso di Costruire. Il nome di questa procedura è la Super D.I.A. Secondo il Testo Unico dell’Edilizia si ricorre alla Super D.I.A. per:

  • Interventi di nuova costruzione o di ristrutturazione urbanistica, se disciplinati da piani attuativi approvati con precise indicazioni di carattere costruttivo, tipologico e volumetrico
  • Interventi di nuova costruzione, se disciplinati da piani urbanistici generali che contengano disposizioni plano-volumetriche
  • Interventi di ristrutturazione previsti dall’art. 10 del T.U., cioè quelli che comportano variazioni volumetriche e richiederebbero il Permesso di Costruire

Segnalazione certificata di inizio attività (Scia)

Con il decreto legislativo Scia 2 (n.1784 del 4 agosto 2016) si ha una modifica sugli interventi che è possibile fare sui propri immobili. Con questo decreto, infatti, va a sparire la D.I.A. che viene sostituita dalla Segnalazione certificata di inizio attività. Attraverso la Scia si potranno realizzare anche gli interventi sottoposti a Super DIA, cioè quelli relativi agli interventi di manutenzione straordinaria sugli edifici, gli interventi di restauro e di ristrutturazione edilizia. Il decreto Scia 2 modifica il Testo Unico dell’Edilizia e riduce i provvedimenti amministrativi e burocratici a:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
  • Scia e Super-Scia
  • Cil asseverata (CILA)
  • Permesso di Costruire

Il modulo da compilare per la Dia nel Comune di Venezia si può trovare a questo link

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento