È stato il novembre più piovoso degli ultimi 25 anni. Raffiche di vento a 80 km/h

Lo riporta Arpav. Le precipitazioni hanno superato del 150% la media del periodo

Dopo un mese di ottobre secco e piuttosto caldo, con l’inizio di novembre la situazione meteorologica in Veneto è radicalmente mutata. Un’anomala successione di perturbazioni ha provocato una serie di eventi pluviometrici importanti, spesso a carattere sciroccale, con piogge anche forti e abbondanti, nevicate copiose in quota, rinforzi di vento molto significativi specie sulla costa e in montagna. Complessivamente il mese è risultato, in media sull’intero territorio, il più piovoso e nevoso degli ultimi 25 anni, superando in diverse zone i record precedenti generalmente registrati negli anni 2010, 2002 e 2000. Per quanto riguarda il Veneziano, ad esempio, a Fossalta di Portogruaro a novembre sono stati registrati 387,6 millimetri di preciptazioni, a fronte di una media regionale di 330 e di 130 nell'intervallo di tempo 1992-2018.

Schermata 2019-12-04 alle 16.10.36-2

Precipitazioni: +150% rispetto alla media del periodo

Gli apporti mensili sono risultati quindi molto superiori alla norma (+150% circa) e mediamente rappresentano i quantitativi di novembre più elevati dal 1992. In passato, negli ultimi 25 anni circa, apporti rilevanti del mese di novembre si registrarono nel 2000 e 2002 sul settore montano, nel 2008 sulla pianura meridionale, nel 2010 sulla pianura centro-settentrionale e sulla pedemontana, nel 2012 e 2014 sulla pianura nord-orientale: quasi ovunque comunque tali valori risultano inferiori a quelli di novembre 2019.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I venti

Forti venti di Scirocco hanno colpito in particolare il Veneziano e alcune zone montane e pedemontane in occasione dell’evento del 12 novembre, con raffiche a 80-100 km/h su costa e pianura limitrofa, in concomitanza ad un repentino e significativo calo della pressione al suolo con un minimo registrato proprio in prossimità della costa nella tarda serata del 12. Altri eventi sciroccali importanti si sono susseguiti nei giorni seguenti, in particolare il 15 e in misura un pò minore il 17, determinando una sequenza di mareggiate e di acque alte eccezionali in laguna mai registrate prima in così breve tempo. Attorno alle 22.40 del 12 novembre, la stazione di Cavallino-Treporti ha registrato venti di scirocco con una raffica massima di 21 metri al secondo, quasi 80 chilometri orari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Malore fatale, commerciante muore a 37 anni

  • Schianto sulla strada: morto un ragazzo di 18 anni a Veternigo

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Coronavirus, il bollettino di stasera per Veneto e provincia di Venezia

  • Per Zaia il problema non sono ristoranti e palestre: «Bisognava puntare su assembramenti»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento