Lo stile di guida contribuisce all'inquinamento dell'aria, cambiarlo può ridurre le polveri sottili

Un corso di ecodrive training ha insegnato ad autisti di aziende pubbliche e private come guidare rispettando l'ambiente

Lo stile di guida incide sull'inquinamento dell'aria e cambiarlo può avere risvolti positivi sui livelli di pm10. È questa la teoria sperimentata dal corso "ecodrive training" organizzato dall'azienda Carraro S.p.a. e rivolto ad autisti di sette aziende sia pubbliche che private che hanno partecipato, nei giorni scorsi, a lezioni teoriche e pratiche per imparare a guidare inquinando meno. 

Con dodici ore di lezione, condotte da Sergio Serafin, handover specialist di Carraro, è stato mostrato ai professionisti della guida come condurre un veicolo in modo più intelligente, economico e, soprattutto ecologico, sfruttando al massimo la tecnologia dei nuovi Mercedes-Benz Actros. 

«È dimostrato che uno stile di guida diverso – spiega l’ad Giovanni Carraro – che ad esempio ottimizzi le accelerazioni e le frenate, possa portare grossi margini di miglioramento anche nel risparmio di carburante, fino addirittura ad un 10% in meno, mantenendo sempre gli stessi tempi di percorrenza. Il che significa anche un vantaggio per la qualità dell’aria, e in tempi come questi ce n’è assolutamente bisogno». 

A fine corso è stato rilasciato ai partecipanti un attestato di partecipazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus nel Veneziano: è un 67enne di Mira

  • Coronavirus, i dati aggiornati

  • Aumentano i casi positivi al coronavirus: aggiornamenti

  • Coronavirus, inizia la settimana più lunga: gli aggiornamenti

  • L'ordinanza del ministero della Salute e del presidente della Regione Veneto

  • Hanno partecipato al Carnevale di Venezia: scatta la quarantena nel Salernitano

Torna su
VeneziaToday è in caricamento