menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bocciato l'innalzamento della soglia di esenzione Irpef. «Penalizzate le fasce deboli»

Confermato dal Consiglio comunale veneziano il tetto di 10mila euro. Pd critico: «Si potevano aiutare 7.500 concittadini in difficoltà»

La soglia di reddito lordo per l'esenzione dall'addizionale comunale Irpef resta di 10mila euro anche per il 2019: non è passato, infatti, l'emendamento presentato dal Pd al Consiglio comunale di oggi (firmato da Monica Sambo, Emanuele Rosteghin e Nicola Pellicani) che ne proponeva l'innalzamento a 12mila euro. Significa, secondo i Democratici, che l'anno prossimo «c’è il rischio che molti pensionati e precari residenti nel comune di Venezia possano sforare il tetto per effetto delle manovre nazionali, e quindi si vedranno tassare l’intero reddito. Il risultato è che l'eventuale aumento delle pensioni minime andrà in parte assorbito dall’addizionale comunale».

Per innalzare la soglia, specifica l'opposizione, sarebbero serviti 700mila euro: fondi che si potevano recuperare «attraverso la riduzione degli sconti del 30% sulla tassa di soggiorno per la terraferma, che è a carico dei turisti e non dei gestori delle attività economiche». In tal modo, concludono gli esponenti del Pd, «avremmo potuto esentare dall’Irpef circa 7.500 concittadini in difficoltà. Purtroppo non sarà così».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento