Anna Brondino (Ncd): "Su doppia preferenza di genere occasione persa"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

"Ieri in Consiglio Regionale del Veneto si è persa un'importantissima occasione per affermare il principio delle pari opportunità in politica La bocciatura dell'emendamento della nuova legge elettorale che prevedeva la doppia preferenza di genere, rappresenta una grave sconfitta per tutto il sistema politico del nostro territorio: immobilismo e incapacità di trovare accordi trasversali ai partiti predominano sulla volontà di un vero cambiamento.

Il problema della carenza di presenza femminile nel panorama politico attuale in Veneto è molto sentito. La partecipazione femminile non solo dovrebbe essere favorita e incentivata, ma anche coadiuvata da diverse modalità di voto e concreti strumenti che garantiscano un trattamento paritario tra i sessi.

Con la doppia preferenza di genere in Regione, gli elettori avrebbero avuto la possibilità di poter esprimere il loro voto per candidati di entrambi i sessi. Questo avviene già per le elezioni europee e comunali, e mi sembra paradossale che non debba invece verificarsi anche alle regionali.

Ieri, nonostante ci fossero le premesse perché l'aula votasse a favore, è tutto saltato: l'ennesima occasione buttata, perché questa norma avrebbe contribuito a valorizzare il talento e le capacità di noi donne anche in politica.

Anna Brondino, Presidente Circolo Nuovo Centrodestra Venezia 1"

Torna su
VeneziaToday è in caricamento