Ci sono Cantone e Delrio, lavoratori Cvn: "Mose, avanti con l'opera"

Lettera dei dipendenti delle aziende, preoccupati per il futuro e per la fase di manutenzione. Gli ambientalisti: "Chiediamo un'authority"

I lavoratori del Consorzio Venezia Nuova, alla vigilia della visita di domani ai cantieri del Mose da parte del ministro Graziano Delrio e del responsabile dell'autorità anti-corruzione Raffaele Cantone, rilanciano - con una lettera aperta - l'esigenza di "garantire la continuazione dei lavori" dell'opera contro le acque alte, e di salvaguardare "il patrimonio di professionalità e conoscenze formatesi durante lo studio, la progettazione e la realizzazione del sistema di difesa della città e della laguna". I lavoratori del Cvn dicono di aver accolto "con favore" l'arrivo degli amministratori straordinari del Consorzio, "certi che il loro lavoro abbia impresso una svolta decisiva all'azione di rinnovamento e consentirà il completamento del Mose", permettendo di recuperare "quella credibilità pesantemente compromessa - affermano - da quanto emerso dalle indagini nonchè l'orgoglio di essere partecipi di un'opera senza pari".

"Salutiamo ora carichi di aspettative - proseguono - la visita del ministro Delrio e del presidente dell'Anac Cantone, accompagnati dal sindaco Luigi Brugnaro. Il ministro impegnato nel superamento della legge obiettivo, il presidente anti-corruzione che segue la bussola della legalità e del corretto impiego del denaro pubblico, il sindaco che in cima alle sue priorità ha posto il lavoro".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Naturalmente guardano alla visita del ministro e del commissario anticorruzione diverse associazioni, comprese quelle ambientaliste. Anche loro hanno inviato una lettera aperta ai due: "Ci si attende un dovuta trasparenza che l’ambiente criminoso con cui operava il sistema MoSE ha sempre impedito - dichiara l'associazione AmbienteVenezia - oggi si pretende un chiarimento prima che si arrivi ad un punto di non ritorno o a dover verificare con le opere installate quello che poteva e doveva essere verificato in fase di esecuzione e di approvazione del progetto. Chiediamo che venga nominata un’Authority indipendente costituita da tecnici e scienziati super partes per un ispezione su quanto hanno fatto e sulla possibilità di eventuali varianti in corso d’opera che evitino le criticità sul funzionamento delle paratie".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Le previsioni: possibili grandinate e raffiche di vento

  • Violento maltempo: tetti scoperchiati, albero caduto su una casa di cura FOTO

  • Spara e uccide l'ex marito della compagna: arrestato

  • Moda e calzature in ginocchio

  • Addio a Carlotta, morta nel sonno a 13 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento