menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Comune e partecipate, bilancio economico in attivo: "Debito ridotto di 10 milioni di euro"

La performance migliore è di Ca' Farsetti, che da un rosso di 22 milioni è passato al segno "+" per 5 milioni. Il debito consolidato da 770 milioni di euro nel 2016 è diventato di 760

Calano le spese e lievitano gli introiti. La montagna di debito rimane ancora lì da scalare, ma i numeri sorridono a Ca' Farsetti, che in questi giorni presenterà il proprio bilancio economico consolidato 2016, in cui vengono accorpati i diversi andamenti finanziari del Comune e di tutte le partecipate (con l'aggiunta rispetto agli anni scorsi di Ames, Insula e Ive). La prima cifra che si va a guardare in un bilancio è il totale, e quest'ultimo è positivo: da una perdita di 15.361.000 euro del 2015 si è passati a un attivo di 6.281.000 euro. A influire in maniera preponderante sulla performance economica è il risultato raggiunto dal Comune, che nei 12 mesi precedenti era in perdita di 22.828.000 euro, e nel consolidato 2016 ha risalito la china attestandosi a un risultato positivo di 5.032.000 euro. 

Debito di 760 milioni di euro

Il debito consolidato invece, è in diminuzione: nel 2014 si attestava sui 799 milioni di euro, nel 2015 era di 770 milioni di euro, nel 2016 è calato ancora fino a 760 milioni di euro. Cifra che sarebbe stata ritoccata ulteriormente se l'immobiliare Ive non fosse stata "costretta" ad assorbire il Fondo Città di Venezia, con i suoi 14 milioni di euro di passivo. L'intenzione dell'amministrazione in questo senso è continuare a non fare debito, cercando dove possibile di approvare investimenti contando su risorse che effettivamente siano presenti nelle casse lagunari. Dopodiché è stato annunciato in questi mesi un controllo il più possibile stringente su tutte le spese, oltre che un potenziamento dell'Ufficio tributi per continuare la lotta all'evasione.

Gestione caratteristica positiva

Il bilancio economico (altra cosa rispetto al bilancio finanziario) è un documento a scopo conoscitivo e che per legge gli enti territoriali sono tenuti a redarre, tant'è vero che l'anno scorso sarebbero arrivate richieste di chiarimenti da parte della Corte dei conti per il risultato in passivo: le operazioni che vedono protagoniste due realtà all'interno del calderone comunale vengono cancellate, come per esempio una compravendita tra Ca' Farsetti e Avm, mentre viene calcolato tutto il resto. Altri risultati positivi sono stati messi a segno con la gestione caratteristica, in cui non si tiene in considerazione la parte economico-finanziaria: da +36 milioni si è passati a +49 milioni di euro, con le performance positive anche di Veritas (+19.473.000 milioni), Avm (+16.197.000 euro), e Cmv (4.277.000 euro).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Veneto ancora in zona arancione, Confcommercio: «Siamo sconcertati»

Mestre

Avviata la riqualificazione di piazzale Cialdini con il nuovo ponte sull'Osellino

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Marchio Igp per il vetro di Murano e il merletto di Burano

  • Cronaca

    Sport e attività motoria, cosa si può fare in Veneto: le Faq del Governo

  • Cronaca

    Ufficiali i nuovi colori: il Veneto resta arancione

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento